“La grande avventura” tra piramidi e codici segreti per risolvere l’ultimo mistero di Tutankhamon

Tutankamon

META. Ormai ci siamo, “la grande avventura” organizzata dalla associazione Merulandi è pronta a partire nel segno dell’Egitto e dei suoi misteri.

 

Prove di abilità, indovinelli, sentieri da percorrere, chiavi nascoste e codici segreti, tutto pur di portare a termine la missione prima degli avversari. Una due giorni di caccia per gli oltre 200 concorrenti che si sfideranno tra la penisola sorrentina, la costiera amalfitana e l’isola di Capri nelle giornate di sabato e domenica.

Filo conduttore di questa settima edizione del gioco sarà “l’ultimo mistero di Tutankhamon”, con i concorrenti chiamati a trasformarsi in egittologi per scoprire i misteri che avvolgono la mitica figura del “faraone fanciullo” ed aggiudicarsi l’ambitissimo premio finale. Quattro le squadre che parteciperanno: i Los Burritos di Giulio Terminiello, gli Improbabili di Gaetano Galano ed i Bastardi Senza Gloria di Adriano Di Maio, pronti a tutto pur di scardinare lo strapotere dei Runaway. La compagine guidata da Michele Di Ruocco, capace di aggiudicarsi quattro delle ultime cinque edizioni della kermesse, resta la squadra da battere e la grande favorita della vigilia.

RIPRODUZIONE RISERVATA