La Giunta approva il programma di mandato 2015-2020

comune-sorrento

SORRENTO. La Giunta municipale ha approvato le linee programmatiche del mandato politico-amministrativo. Il documento contiene le azioni e i progetti da realizzare nel quinquennio 2015-2020, dal diritto alla casa e allo studio e al turismo, dalla vivibilità alla tutela della risorsa mare, dalle politiche giovanili alla trasparenza, alla riqualificazione di siti archeologici, paesaggistici, storici e culturali e delle frazioni, dalla sanità alle opere pubbliche, al rilancio delle attività produttive.

Il mantenimento di alti standard dei servizi ai cittadini, a fronte di un contenimento della pressione fiscale, è una delle sfide che l’amministrazione Cuomo si pone, insieme a quelle del miglioramento dei servizi sanitari, con il progetto dell’ospedale unico e a quelle scolastiche, con la ricostruzione del plesso di Cesarano.

“Sul fronte abitativo, intendiamo elaborare forme di intervento sul territorio per sopperire alla richiesta di soluzioni al problema-casa, soprattutto di giovani coppie – dichiara il sindaco Giuseppe Cuomo -. Altra priorità, il rafforzamento delle politiche giovanili, con strumenti idonei per l’orientamento scolastico e lavorativo nonché per l’accesso al mondo del lavoro. Per il turismo, cardine della nostra economia, intendiamo continuare il dialogo con tutti gli enti, pubblici e privati, che operano nel settore, per coordinare ed indirizzare le attività per una maggiore destagionalizzazione dell’offerta e della domanda turistica. Altro punto, il rilancio dell’artigianato, del commercio, dell’agricoltura e delle altre attività produttive, con progetti e manifestazioni. Per quanto riguarda le opere pubbliche e le infrastrutture, prosegue il lavoro per la realizzazione del percorso pedonale meccanizzato, il ripristino della viabilità di Via Fontanelle, lo sviluppo del porto e il miglioramento di tutto l’arredo urbano”.

Sulla questione mare, argomento che si è imposto prepotentemente alle cronache nelle scorse settimane, l’amministrazione sarà impegnata per una rapida attivazione dell’impianto di depurazione di Punta Gradelle, con un controllo capillare per l’eliminazione di scarichi abusivi e con interventi in collaborazione con l’Area protetta Punta Campanella e l’Arpac.

Completano la proposta programmatica, la riqualificazione di siti come la Regina Giovanna, Le Tore, i Cisternoni romani degli Spasiano, le Antiche Mura, piazza Veniero, Marina Piccola e, non ultimo, il Museo Correale di Terranova.

Il documento sarà ora presentato al Consiglio nel corso della prossima seduta, fissata per il 10 settembre.