L’opposizione attacca Ruggiero sulla riorganizzazione scolastica

ruggieropiano1

PIANO DI SORRENTO. Riorganizzare le scuole comunali valorizzando gli edifici attualmente in uso. É quanto chiesto da Anna Iaccarino, consigliere di minoranza, al primo cittadino di Piano di Sorrento, Giovanni Ruggiero.

In sostanza, la Iaccarino propone di individuare tre plessi: il primo nella parte alta della città, destinato ad ospitare gli studenti della scuola materna ed elementare, magari nella struttura di via Legittimo; il secondo, chiamato a raccogliere gli alunni residenti in centro, che potrebbe trovare posto nella ex-scuola capoluogo; il terzo, per la scuola media, da individuare presso l’attuale sede di via Ciampa.

Gli altri edifici scolastici presenti vanno adeguatamente valorizzati, attraverso una riconversione.
 “Nel programma dell’amministrazione comunale, si parla espressamente della realizzazione di un unico complesso scolastico in cui riunire le due scuole medie esistenti, oltre che della riqualificazione della dismessa scuola elementare – osserva la Iaccarino –. Allo stato attuale, però, non esiste alcun atto da cui possano evincersi questi obiettivi: ecco perché è necessario che il Consiglio comunale si esprima al più presto su una questione tanto delicata come quella delle scuole”.

A questo punto, la palla passa al presidente dell’assemblea cittadina, Luigi Maresca, che dovrebbe fissare una seduta nel giro di venti giorni.


 Nel frattempo, il sindaco Giovanni Ruggiero risponde agli attacchi dell’opposizione: “Quella della minoranza è una proposta senza capo né coda: non ha senso prevedere un nuovo polo per le scuole elementari in via Carlo Amalfi quando c’è una struttura, come quella di via Legittimo, perfettamente idonea e pronta ad ospitare una nuova palestra e cinque classi elementari provenienti dall’istituto Michele Massa – osserva il primo cittadino –. Le scuole vanno decentrate per evitare il traffico ed ovviare alla carenza degli spazi. L’obiettivo – prosegue il sindaco – è realizzare un polo elementare in via Legittimo, uno per le scuole medie ed un terzo per la scuola materna in via Carlo Amalfi, oltre alle sedi distaccate di San Liborio e dei Colli. In Consiglio comunale, comunque – conclude Ruggiero – non ci sottrarremo al confronto con l’opposizione”.