Incontro in Marocco tra De Laurentiis e Don Alfonso per promuovere il rilancio di Napoli e della penisola sorrentina

Sorrento. “Lavorare insieme per portare il nome di Napoli e della costiera nel mondo? Perché no”. Da Marrakech, Alfonso Iaccarino non si tira indietro dopo l’invito del presidente del Napoli.

 

Aurelio De Laurentiis ha festeggiato il Capodanno in Marocco, ospite del ristorante gestito dallo chef sorrentino con la moglie Livia. E, in un tweet, ha ipotizzato una collaborazione con Alfonso Iaccarino: “Una serata perfetta per sviluppare progetti che rendano la nostra terra sempre più all’avanguardia”, ha scritto il patron del Napoli postando una fotografia insieme al re della ristorazione.

Ora, sempre dal Marocco, Alfonso e Livia Iaccarino non trattengono l’entusiasmo: “La gastronomia rappresenta un volano economico di grande spessore visto che crea occupazione e rappresenta un veicolo di divulgazione del made in Campania nel mondo – osserva Alfonso Iaccarino -. Anche lo sport ha un potenziale enorme, contribuendo a promuovere le eccellenze della gastronomia, dell’agricoltura e dell’artigianato campano”.

Secondo Alfonso Iaccarino, è proprio sulle eccellenze che bisogna puntare per il rilancio dell’immagine della Campania. E, magari, sul connubio tra sport e buona tavola: “Da campano e imprenditore, ho sempre apprezzato la serietà con la quale De Laurentiis ha operato dal primo giorno in cui è divenuto proprietario del Napoli. Spero che tra di noi possano nascere progetti importanti”.

Il 2014 di Alfonso Iaccarino si apre all’insegna dei grandi progetti. Dopo il ristorante aperto sei anni fa a Marrakech, lo chef sorrentino aprirà a breve un locale negli Emirati Arabi. L’obiettivo è quello di “internazionalizzare” la sua cucina, proprio come ha fatto l’amico Aurelio con il Napoli negli ultimi anni. “Il progetto della famiglia De Laurentiis deve essere elogiato e appoggiato non solo dai tifosi ma anche dalle istituzioni: se il Napoli cresce, e con lui la stima del mondo intero verso la nostra città, è perché Aurelio sa coinvolgere e puntare sui giovani. Tutto ciò ha un valore immenso”.

Il 2014 si è aperto con una festa per la famiglia De Laurentiis: è nato Luca, figlio di Luigi, primogenito del presidente del Napoli, e di Brooke.

RIPRODUZIONE RISERVATA