Il Sorrento perde 2 a 1 e retrocede in seconda divisione

retrocessi

Niente da fare, il Sorrento retrocede in seconda divisione. Trasferta amara sul campo del Prato, l’illusione di potercela fare è durata solo 4′ per i rossoneri: in vantaggio al 10 minuto del primo tempo sono stati raggiunti al 14′. Da quel momento in poi la gara si è messa in salita fino alla disfatta totale arrivata con il secondo gol del Prato al 61′.

 

Anche questa seconda gara play out ha messo in evidenza, comunque, tutti i limiti di una squadra senza carattere, senza spiccati mezzi offensivi, senza un centrocampo veramente degno di questo nome e con una difesa che in molte, troppe occasioni non è sembrata all’altezza della situazione. La retrocessione in seconda divisione è, tutto sommato, l’esatta sentenza di un campionato giocato dal Sorrento in maniera approssimativa: alla mancanza di mezzi tecnici spesso e volentieri si è sommata anche una mancanza di determinazione che è costata tanti, tantissimi punti.

Che succederà ora? Difficile dirlo. Alla delusione per la retrocessione si somma le difficoltà legate alla mancanza del campo: l’impianto di via Califano non è più agibile e il progetto di ristrutturazione è ancora fermo al palo. Se si riuscirà a ripartire lo decideranno i due presidenti Paolo Durante e Franco Ronzi la prossima settimana.

RIPRODUZIONE RISERVATA