Il sindaco ordina la rimozione dei rifiuti da Marina Grande

raccolta-rifiuti-fondali-marina-grande

SORRENTO. Combattere il degrado della zona e garantire la pulizia dell’arenile e, conseguentemente, del mare. E’ l’obiettivo dell’ordinanza emanata dal sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, indirizzata agli abitanti del borgo dei pescatori di Marina Grande, con la quale si richiede la rimozione immediata dei rifiuti presenti lungo il litorale.

Con il provvedimento il primo cittadino intima “a tutti i cittadini, proprietari o detentori a qualsiasi titolo di materiale ingombrante e di rifiuti urbani in genere o di materiale ed ogni altro genere di oggetto in evidente stato di abbandono o che deturpino le aree in questione, a smaltire nei modi di legge entro e non oltre 5 giorni, i propri materiali posti sull’arenile libero in località Marina Grande, e precisamente tra il ristorante “Il Delfino” e lo stabilimento balneare “da Cataldo”, su tutto l’arenile di Marina Grande nelle aree circostanti il borgo marinaro, la banchina portuale e tutta la sede stradale compresa la banchina ed il ristorante “Il Delfino”.

Allo stesso tempo “agli eventuali concessionari degli arenili ed a chiunque fruisca, a qualsiasi titolo, degli arenili liberi e non, nonché delle aree prospiciente il litorale di Marina Grande” Cuomo chiede “di osservare un comportamento di massimo rispetto e di civica correttezza nei confronti dell’ambiente e di garantire una costante e accurata pulizia degli arenili e degli spazi limitrofi ed il loro mantenimento in perfetto ordine al fine di garantire un certo decoro a tutta l’area interessata”.

Nel caso di violazioni dell’ordinanza, sul cui rispetto dovranno vigilare gli agenti della polizia municipale, saranno comminate sanzioni amministrative ed anche, eventualmente, avviate azioni penali.

Tutto ciò mentre per domani mattina, dalle ore 8 alle 10, a Marina Grande, è in programma un’operazione di pulizia straordinaria promossa dalla società Penisolaverde Spa e dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Sorrento, in collaborazione con la parrocchia del borgo marinaro.