Il programma della festa di Sant’Antonino posticipata al 15 febbraio

processione-santantonino

SORRENTO. Ormai è assodato che quest’anno, con la celebrazione del Mercoledì delle Ceneri che cade il 14 febbraio, la festa patronale dedicata a Sant’Antonino si celebrerà il giorno successivo, ossia giovedì 15 febbraio. La decisione è stata assunta dal vescovo della diocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia, monsignor Francesco Alfano.

Nel frattempo i fedeli si preparano per l’appuntamento con la festa patronale di Sant’Antonino organizzata dal comitato guidato da Antonino Stinga insieme al rettore della Basilica, don Luigi Di Prisco. Antiche tradizioni e riti che si rinnovano e consolidano di anno in anno come l’alimentazione della lampada votiva della basilica con l’olio prodotto dai contadini sorrentini.

A partire dal 5 e fino al 13 febbraio il programma prevede tutti i giorni feriali, alle 9, la Santa Messa con coroncina a Sant’Antonino. Alle 17:30 si recita il Rosario e si cantano le litanie ed alle 18 il canto del vespro con l’omelia tenuta da monsignor Erasmo Napolitano, presidente del Tribunale Ecclesiastico regionale campano. Martedì 13 febbraio, alle ore 10, ci sarà la funzione liturgica nella cripta in suffragio dei defunti iscritti al Pio Monte. Poi, a seguire, la processione eucaristica in piazza Sant’Antonino. Mercoledì 14 febbraio, alle ore 18, ci sarà la santa messa celebrata dall’arcivescovo Alfano con l’imposizione delle ceneri.

La devozione raggiunge i momenti clou nel giorno della festa che, quest’anno, eccezionalmente è stata spostata a giovedì 15 febbraio. La folla interminabile dei fedeli raggiunge la Basilica da tutta la penisola sorrentina per partecipare alle funzioni e scendere nella cripta, il cosiddetto “succorpo”, che ospita le spoglie di Sant’Antonino. Tutti si segnano con l’olio benedetto, di cui è unta la lamina d’argento posta dietro la statua del patrono. In tanti a soffermarsi davanti alle tele che raffigurano gli interventi del Santo a protezione della gente di Sorrento, come la liberazione dalla peste del 1656.

In occasione della festa si svolge anche la tradizionale processione (che parte dalla basilica alle ore 9) dietro l’antica statua d’argento, opera dell’orafo Scipio di Costantio del 1574, portata a spalle per la città dagli uomini di mare di Marina Piccola, con autorità civili e militari e le confraternite laicali.

Accanto alle funzioni religiose, Sorrento con la festa di Sant’Antonino si rianima in vista della nuova stagione turistica. Con il mercatino sul corso Italia e la vetrina delle piante destinate ad alimentare il patrimonio arboreo dei giardini sorrentini in via San Renato. E con una fitta ragnatela di bancarelle e angoli di arte varia.