Il parcheggio de La Pignatella riapre i battenti dopo la mancata convalida del sequestro

sequestroparcheggioLaPignatella

SORRENTO. Il gip del tribunale di Torre Annunziata ha deciso di non convalidare il sequestro eseguito lo scorso 21 giugno nel fondo de La Pignatella, a Marina di Puolo, stabilendo anche che l’area di sosta è autorizzata.

 

Ad apporre i sigilli al terreno furono gli uomini del commissariato di Sorrento e la polizia municipale per quello che il pm di turno alla procura oplontina considerava un “cambio di destinazione d’uso” per essere utilizzato come parcheggio.

Ora il gip Antonio Fiorentino, accogliendo la tesi difensiva dei proprietari, Francesco Pollio e la moglie, Maria Saveria Gargiulo, ha disposto la non convalida, precisando che non appaiono sussistenti i reati ipotizzati. In particolare il giudice per le indagini preliminari ha motivato la propria decisione chiarendo che, in base “al contenuto dell’assai scarsa documentazione trasmessa dal pm, non è dato comprendere quale tipo di attività edificatoria sia stata posta in essere dagli indagati”.

Il gip precisa anche che “la presenza di 20 auto e 10 motorini non può ritenersi sufficiente a configurare un definitivo cambio di destinazione d’uso del fondo agricolo suscettibile di essere considerato un vero e proprio intervento di natura edilizia. Infatti – aggiunge il gip – nulla vieta di ipotizzare che la presenza dei (non molti) veicoli fosse determinata da meri fattori contingenti ed occasionali”.

Ma il giudice va anche oltre, precisando che, nel caso ve ne fossero i presupposti, poteva essere contestata solo la mancanza dell’autorizzazione.

“Peraltro – ha invece puntualizzato il gip – tale attività è stata regolarmente autorizzata in quanto il sindaco, anche per il 2013, ha emesso ordinanza di autorizzazione per aree di sosta eccezionale e temporanea”.

Salvo nuovi colpi di scena la decisione del giudice Fiorentino dovrebbe chiudere la vicenda che riguarda il parcheggio de La Pignatella, con buona pace delle migliaia di bagnanti che frequentano gli omonimi scogli e le spiagge di Marina di Puolo.

RIPRODUZIONE RISERVATA