Capri Watch - Fashion Accessories

Il palazzo incendiato a Sorrento è inagibile, ordinato lo sgombero

incendio-palazzo-sorrento

SORRENTO. L’immobile è inagibile e deve essere sgomberato. È quanto stabilisce un’ordinanza emanata oggi dal sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, in merito al fabbricato di via Padre Reginaldo Giuliani (civici 2 e 4) del centro storico interessato dall’incendio della mattina del 10 gennaio scorso. Le fiamme si svilupparono al primo piano del palazzo in due locali adibiti a deposito di stoffe e capi di abbigliamento della sottostante boutique. Proprio la presenza di articoli infiammabili creò particolari problemi per domare il rogo, tanto che i vigili del fuoco furono impegnati per oltre 4 ore prima di spegnere tutti i focolai.

Il successivo sopralluogo dei tecnici comunali e dei pompieri ha evidenziato che l’incendio ha interessato anche il vano scala comune ed i solai che delimitano i vani dove si sono sprigionate le fiamme e quelli posti al secondo piano. Inoltre al piano terra si rilevavano infiltrazioni di acqua. Immediatamente dopo l’accaduto, non potendo effettuare una verifica statica del fabbricato, sono stati interdetti i due locali incendiati e quelli sottostanti e sovrastanti.

Questa mattina, poi, il sindaco Cuomo ha deciso che “necessita procedere all’adozione di provvedimenti contingibili ed urgenti consequenziali a quanto già disposto al fine di evitare situazioni di pericolo per la pubblica e privata incolumità e per ripristinare le condizioni di sicurezza della porzione di fabbricato condominiale”.

Pertanto ha emanato un’ordinanza con la quale dichiara “l’inagibilità degli immobili ai civici 2 e 4 di via Padre Reginaldo Giuliani inibendone l’utilizzo per i proprietari, per gli occupanti a qualunque titolo, nonché per chiunque vi possa accedere, sino al perdurare delle condizioni rilevate e comunque fino alla relativa messa in sicurezza mediante l’esecuzione di tutte le opere necessarie, ovvero certificazione di eliminato o insussistenza di pericolo, da eseguirsi previa verifica di idoneità statica del fabbricato condominiale a firma di tecnico abilitato”.

Provvedimento notificato ai titolari della boutique ed ai proprietari di due appartamenti dello stabile oltre che all’amministratore del condominio. A tutti loro il primo cittadino di Sorrento ha anche ordinato di “provvedere ad horas ad effettuare una verifica tecnica in ordine alle condizioni statiche del fabbricato e di procedere, in esito alle risultanze dei controlli, all’esecuzione di tutte le opere individuate assolutamente indispensabili a garantire la sicurezza statica dell’immobile, nonché di verificare le condizioni delle unità immobiliari e delle parti condominiali interessate, dal punto di vista degli impianti e delle condizioni igienico-sanitarie effettuando gli interventi eventualmente necessari volti a ripristinare le condizioni di agibilità”.

Prima dell’inizio dei lavori dovrà essere trasmessa al Comune copia della perizia di verifica e la relazione tecnica dell’intervento programmato. Ad ultimazione delle opere, da eseguire entro 60 giorni, dovrà essere esibito, a firma del tecnico, un documento attestante l’avvenuta integrale esecuzione di quanto ordinato dal sindaco Cuomo e la conseguente eliminazione di ogni pericolo per la pubblica e privata incolumità.

Il primo cittadino di Sorrento ha anche stabilito che per garantire la sicurezza di chi è chiamato ad effettuare le verifiche, l’accesso agli immobili possa avvenire solo insieme ai vigili del fuoco e dopo averne dato comunicazione al comando della polizia municipale.