Il Napoli travolge il Bologna e vola in champions

nap-cham

Festa azzurra al dall’Ara di Bologna, il Napoli vince 3 a 0. A fine gara tutti sotto la curva del popolo partenopeo, in delirio per la fantastica stagione di questi ragazzi, coronata con la nona vittoria in trasferta, il trentacinquesimo gol in stagione di Cavani e il decimo in campionato di Marek Hamsik, il migliore in campo.

 Ora la palla passa a De Laurentiis che avrà il compito di mettere sulla scrivania un progetto da grande squadra, trattenendo mister Mazzari e il matador, migliorando una rosa che in questo momento è già fortissima. Poteva essere l’anno giusto per lo scudetto, ma va dato merito alla Juve di aver disputato una stagione praticamente perfetta. Peccato, anche se questo secondo posto ha un valore inestimabile, per la gente e sopratutto per le ambizioni future. La gara è stata molto combattuta fin dall’inizio, anche se poi nella ripresa la qualità del Napoli è venuta fuori.

Nel primo tempo da segnalare una grande discesa di Zuniga, che fa trenta metri palla al piede, serve Cavani che la gira in mezzo per Insigne che manca l’appuntamento con il gol. Il Bologna prova a reagire con Gilardino, che di testa non trova la porta per questione di centimetri.

Nella ripresa è un altro Napoli. Al 53′ solita discesa sulla fascia di Ziniga, palla per Dzemaili che trova Hamsik, tiro di collo sinistro e palla nell’angolo. 1 a 0 per gli azzurri. Passano 10 minuti e quel cannibale del matador si procura un rigore e lo realizza. 2 a 0. Al 67′ è ancora Cavani a seminare il panico nella difesa bolognese, il matador punta la porta provando a saltarli tutti di forza, la palla finisce sui piedi di Dzemaili che chiude l’incontro. 3 a 0.

Bologna a casa e secondo posto in cassaforte. Il resto è accademia, sorrisi e abbracci, tanti sulla panchina azzurra. Con questa vittoria i partenopei si portano a 75 punti, a +7 sul Milan, vantaggio che basta a due giornate dalla fine per celebrare la qualificazione ai gironi champions.

Un magico mercoledì sera per il popolo napoletano.

RIPRODUZIONE RISERVATA