Il Comune di Vico Equense aderisce al “car pooling” per ridurre il traffico veicolare

carpoolingaVicoEquense

VICO EQUENSE. È un’iniziativa che, grazie anche ad internet, sta spopolando in alcuni grandi centri ed ora approda anche in penisola sorrentina, grazie all’adesione del Comune di Vico Equense.

Si tratta del “car pooling”, ossia della possibilità di condividere un’automobile per compiere lo stesso tragitto in modo da ridurre i consumi di carburante, evitare stress e risparmiare che sul parcheggio. In altre parole l’idea è semplice e consiste nel riunire più persone in un’unica vettura per percorrere il medesimo itinerario, aderendo al progetto di mobilità sostenibile “Riempiamo le auto, svuotiamo le strade”, che si basa sull’uso della piattaforma web Wegeos (www.wegeos.com), un servizio completamente gratuito.

A seguito di una rapida e semplice procedura d’iscrizione, gli utenti possono creare degli spostamenti, specificando: luogo di partenza e di arrivo, data o giorni della settimana, altre informazioni opzionali e, in tempo reale, consultare l’elenco degli altri iscritti con cui organizzare il trasporto, visionarne il profilo pubblico e i feedback ricevuti. L’identità degli utenti è verificata tramite l’acquisizione di un documento d’identità valido.

“Il car pooling – sottolinea il sindaco di Vico Equense, Gennaro Cinque – è senza dubbio un eccellente strumento per ridurre le emissioni dannose di Co2 e attenuare il traffico stradale. L’adesione al progetto non comporta alcun tipo di costo, ma soltanto l’impegno ad avviare delle iniziative atte a presentare i vantaggi derivanti da un uso diffuso di Wegeos, per organizzare la mobilità cittadina”.

Bisogna promuovere questa iniziativa in tutti gli ambiti: le scuole potrebbero trattare l’argomento della mobilità sostenibile sensibilizzando anche i più giovani, le aziende, invece, potrebbero definire piani di mobilità per incrementare il potere di risparmio degli impiegati, infine, i genitori potrebbero organizzare gli spostamenti casa-scuola dei figli.

Con questo progetto si favorisce anche l’integrazione sociale. Il car pooling si può intendere come la nuova frontiera dell’autostop con due sostanziali differenze. La prima è che si tratta di un servizio organizzato che ha come obiettivo la riduzione del flusso di veicoli sulle strade e la condivisione delle spese di viaggio. Un notevole vantaggio economico, sia per il conducente, che per i passeggeri, che può arrivare ad abbattere le spese fino al 70 per cento. La seconda differenza è che non si concede un passaggio ad un perfetto sconosciuto, ma ad una persona registrata al portale, identificata e che si troverà nel posto concordato all’ora stabilita.

In un periodo di crisi come quello attuale risparmiare è la parola d’ordine e questo è un sistema sicuro per garantirsi un taglio delle spese.