Ieri la presentazione ufficiale del Nucleo di Croce Rossa di Piano di Sorrento

croce-rossa

PIANO DI SORRENTO. È avvenuta ieri, presso il centro culturale comunale, la presentazione ufficiale del Nucleo della Croce Rossa Italiana stabilitosi lo scorso maggio nella sede di via Gennaro Maresca, in condivisione con il Nucleo di Protezione Civile, con la finalità di costituire a Piano di Sorrento un polo concentrato di enti di assistenza, vigilanza e intervento per il supporto e l’aiuto alla popolazione in casi di emergenza e di vulnerabilità sociale.

All’evento erano presenti il sindaco di Piano di Sorrento, Giovanni Ruggiero, l’assessore con delega alla Protezione Civile, Francesco Gargiulo, il presidente del comitato locale Napoli Sud, Antonio Coppola, il presidente del comitato provinciale Napoli, Paolo Monorchio, il delegato tecnico area Sviluppo, Michele Gargiulo, la coordinatrice di sede, Nadia Anna Fiorentino e il caponucleo della Protezione Civile di Piano di Sorrento, Giuseppe Coppola.

“Unire le forze della Croce Rossa e della Protezione Civile – ha detto durante l’incontro il sindaco Ruggiero – significa potenziare una ricchezza enorme che si fa carico della persona mettendola al centro in quanto a salute, sicurezza e benessere. La vostra presenza è per noi oggi un segno concreto che testimonia la volontà di fare in controtendenza rispetto al vizio della lamentela sterile oggi tanto in voga. Il Comune di Piano di Sorrento non vi affida solo una sede, ma la sfida di una rivoluzione culturale: cambiare la mentalità delle persone trasformando la paura dell’emergenza in cultura della prevenzione”.

Soddisfazione è stata, inoltre, espressa dal presidente del comitato locale Napoli Sud, Antonio Coppola, proponente dell’insediamento della Croce Rossa a Piano di Sorrento in un’ottica di promozione di un sistema integrato di interventi e servizi socio assistenziali: “Ringrazio l’amministrazione comunale e la Protezione Civile per aver creduto in questo progetto e nella creazione di un fronte di intervento che unisse risorse strumentali e umane. Mi piace sottolineare l’eterogeneità di questo gruppo formato dall’esperienza di professionisti e dall’entusiasmo di volontari esperti, con l’augurio che, partendo da oggi e anche dopo di noi, si possa fare sempre di più e sempre meglio”.

La parola è passata, infine, al Presidente del Comitato provinciale Napoli Paolo Monorchi: “Avere una struttura a Piano di Sorrento rappresenta un punto fermo, la base per programmare insieme, parlarsi, fare formazione, confrontarsi non solo sulle emergenze ma anche sull’attività sociale e sanitaria. L’unione delle forze e l’incontro odierno è un grande risultato che in altri territori non è stato possibile raggiungere. Accolgo con propositività la sfida del sindaco: ci impegneremo per creare un contatto costante con la gente e a dare segnali tangibili, anche con esercitazioni e incontri nelle piazze”.