Capri Watch fashion & Accessories

I versi che un tifoso juventino ha dedicato a Maradona – audio –

maradona10

Un tifoso juventino, è bene chiarirlo subito. E poi un medico, un chirurgo per la precisione, stimatissimo per le sue capacità e per l’abnegazione con cui svolge il suo lavoro. È Michele Maresca e questi sono i versi, straordinari, che ha dedicato a Maradona.

ventinovenovembreduemilaventi

ANGELI
Troppi toc toc ‘nfaccia a chella porta
se sentono a stu’ tiemp maladitt,
ca fann venì pure ‘a luna storta
a l’angelo ca semp se sta azitt.

«Nu mument! Restate ad aspettare!»
allucca forte pe’ se fa’ sentì.
Ma subito si affaccia il Titolare:
«Ccà ‘mParavis nun s’adda patì.

Finché dirigo sta portineria»
dice San Pietro con autorità
«nessuno mai subisca un’angheria.
Trattate ognuno con umanità.

Llàbbascio hanno sofferto tanto e a lungo,
ma qui per loro c’è rispetto e pace.
Di aprire immantinente io ti ingiungo.
Respingi solo chi sarà mendace».

«Scusatemi San Pié, sarò preciso:
controllo attentamente il documento
e accoglierò ciascuno col sorriso.
Capite la stanchezza del momento….».

E allora arap’a porta con dolcezza
nu poco poco pe puté spià
e subbito lo piglia l’allerezza
pa’ simpatia e chi sta fore llà.

Nu giuvinott cu na capa riccia
e na maglietta comm’o cielo tinta,
cu na risata, ca se stamp ‘nfaccia
e l’uocchie onest, ca nun fann finta.

Certo nunn’è comm’à sti vicchiariell,
signat a chesta ‘nfama malatia,
nu poco tristi pecché, puveriell,
vulevano cchiù tardi piglià ‘a via.

«No, chist a mme me pare tropp arzillo.
Se proprio oggi è arrivato qua…»
ripensa ‘ncapa a iss l’angiulillo
«..ma fosse muort pa’ felicità?».

«Entrate, accomodatevi, signore;
scusateci, vi prego, per l’attesa.
Non c’è riposo alcuno in queste ore,
seguir tutte le pratiche è un’impresa.

Siamo distrutti, dico in confidenza
e tante volte quann c’imballamm
‘o Figlio adda venì pe’ l’emergenza:
nu suscio Sujo… l’accumulo ‘o sbrigamm…

L’aiuto di un computer ho già proposto,
per evitar di disturbarLo invano
“Diavoleria!” i Capi hanno risposto
“da sempre qui si è lavorato a mano”».

E, divertito assai, l’ospite nuov
‘e corz trase e si riempie ’e gioia,
(difficile ‘a capì si nunn’o pruov),
ma senza scerià ‘e piere ‘ncoppa a stuoia.

L’angelo, attento, ca sta llà guardann,
s’ammaraveglia ‘e chilli tacchi strani..
«Documento ca vale pe chist’ann
e po’ purtate ‘e scarpe con le mani».

«Son estrumientos del trabajo mio»
‘o guarda cu malizia e po s’avota.
Attuorno, tra gli altr’angeli un brusìo.
«La vostra identità certo m’è nota.

Son molto smemorato e sol ricordo
un Alighieri, un Mozart e un Caravaggio,
ma il vostro nome al loro presto accordo.
Da qual Paese avete fatto il viaggio?»

«De l’Argentina y donde son nascito;
pero yo tiengo anche mucho’ amigo’
en un cità, segundo mio paisito
y quiero todos de tener con migo»

«Amico mio, per l’organizzazione,
per l’ordine, per volontà divina:
o late ‘e ccà l’Italica Nazione,
aropp ‘o ponte, America Latina.»

E indica all’utente il suo percorso.
‘O ricciulillo, docile e ubbidiente,
dritto s’abbìa, ma presto in suo soccorso
arrivano tre anime più attente.

«Signor Portiere, che vulite fa’?
Fermamm tutto, cinema e triate,
si ‘amic nuost nun rimane ccà!
E nun ce custringite a chiammà ‘o Pate.

Mmiezo a st’atmosfera un po’ nervosa,
d’a nuvulella ca sta ‘ncopp a tutto,
se spanne ‘na vuciona tenebrosa:
«Ma chi v’ha dato st’ordine assai brutto?

Ho mai parlato io di geografia?
Ccà ‘ncopp ‘a vita ‘e l’anime se regge
po’ Figlio mio, ca dint’a l’agonia
dicett ‘o munno: sul’Ammore è legge!».

Silenzio… e po’ n’applauso fraguruso,
feste, canzoni, musica e sorrisi.
Se scioglie lu purtier cuntignuso,
mo ride e corre a s’abbraccià a Troisi.

Antonio ed Eduardo sott’‘o baffo,
se fann ‘a risatella scustumata.
Annascuso, pe nun piglià nu schiaffo,
fanno battute l’una acopp a l’ata.

Vero beato nun se po’ chiammà
chi è muort primm e chilli juorne d’oro.
Gennaro va add’o Pate a ce parlà,
a chiedere la grazia per costoro.

Per Ordine Supremo s’organizza
‘na partitella eterna con passione;
negli intervalli ci sarà la pizza
e allor si parlerà di Perfezione.

Tutti vonno jucà col Grande Artista:
‘e piccirill int’e favele muort
song angiulill e fann ‘a squadra mista
cu ‘e scugnizziell ‘e rint ‘e vasci e o’ puort,

accis‘e puvertà e epidemie,
abbandunate e vittime di guerra…
So ‘e cchiù felici e corrono pe’ vie,
chi vo zumbà, chi s’arravoglia ‘nterra

Ma, all’improvviso, fermi tutt quant..
fiato sospeso pe ammirà ‘o Campione:
miracule cchiù meglio ‘e tutt ‘e Sant,
tiri, palleggi, stop ed arabone.

Aropp se scatena l’ovazione
commossi, entusiasmati ‘e spettatori,
‘o nomm ripetuto int’a canzone
e nunn’abbastan vecchi e nuovi cori.

Sicuro ce vo pure ‘na favella
e ‘o Pateterno nun se tira arret.
Con calma scenn ‘a copp ‘a nuvulella,
solennemente primm se disset,

chiede silenzio con un cenno duro:
«Figli beati anch’io son estasiato
e complimenti faccio al Genio puro.
Confesso, sono un poco addolorato.

Tributo vada al Calcio Sovrumano,
ma ascoltate anche il mio rimbrotto:
i gol non vanno fatti con la mano!
E questo valga Sopra ed anche Sotto.

P’a primma vota dint’a ‘sta jurnata,
‘a faccia ‘e Diego tutta s’ascuresce,
‘a prereca appena l’ha ascoltata
e pare ca ‘sta gioia mo se svanesce.

L’Altissimo gli fa ‘na cecatella:
«Tu nun te preoccupà, io nun m’o scordo:
pe ll’ate aggià caccià sta regulella,
ma chella vota, fu tacito accordo!».

Michele Maresca

In basso proponiamo la traccia audio della stessa poesia recitata dall’autore.