I soldi della tassa di soggiorno per portare Meta nel mondo e migliorare l’accoglienza

tassadisoggiorno

META. È quanto emerge dall’ultimo summit tra Comune, Pro Loco ed albergatori. I proventi dell’imposta (quasi 100mila euro) saranno utilizzati per finanziare la partecipazione di Meta a tre grandi fiere.

 

Prima fra tutte l’Expo 2015 di Milano, dove gli operatori turistici locali si presenteranno con un proprio stand. Con il tesoretto della tassa di soggiorno, saranno acquistati i kit per la promozione dei prodotti, delle tradizioni e delle strutture ricettive di Meta. A questo materiale si aggiungeranno una brochure cartacea e un sito web specificamente dedicato al sistema turistico metese, disponibili a breve. Inoltre, con la tassa di soggiorno saranno finanziate anche le “passeggiate metesi”: nel 2014 sarà realizzato un programma di appuntamenti settimanali che preveda itinerari gastronomici e culturali lungo le strade di Meta.

Obiettivo: consentire ai turisti di apprezzare le bellezze e le tipicità di quest’angolo di costiera. Sempre per rafforzare il brand di Meta, la Pro Loco e gli operatori turistici hanno chiesto l’introduzione di un servizio-navetta che colleghi il paese a Sorrento. Le prime ipotesi prevedono due corse giornaliere negli orari non coperti dai pullman dell’Eav, per facilitare gli spostamenti dei turisti da un capo all’altro della Costiera.

RIPRODUZIONE RISERVATA