I ragazzi del liceo “Grandi” in protesta contro l’accorpamento deciso dalla Giunta regionale

SORRENTO. Domani, gli studenti del liceo “Francesco Grandi” si ritroveranno a piazza Sant’Antonino, all’ingresso del Comune, per ribadire il loro “no” al provvedimento varato della Giunta regionale che stabilisce il “trasferimento” della scuola da Sorrento a Piano.

 

Un presidio di studenti per protestare contro l’ipotesi di “accorpare” il liceo artistico al nautico.

Nei giorni scorsi, un comitato composto da docenti, studenti, sindacati, associazioni di categoria e rappresentanti della politica cittadina, si è reso protagonista di una serie di incontri per organizzare una ferrea opposizione al provvedimento regionale, che si trasferirà anche nelle aule giudiziarie, con un ricorso al Tribunale amministrativo della Campania.

Intanto, ieri mattina, la conferenza dei capigruppo in Consiglio comunale, ha stabilito la necessità di una convocazione d’urgenza del civico consesso per discutere sull’argomento, e valutare la possibilità di elaborare una strategia per garantire l’autonomia gestionale e amministrativa del liceo artistico.

Anche se sembra una possibilità al quanto remota, visto che il piano varato del presidente Caldoro rientra nell’ambito di una legge Finanziaria sul “dimensionamento scolastico”, che prevede l’accorpamento ad altre scuole limitrofe per gli istituti con meno di cinquecento iscritti.

Insomma una bufera che non si capisce come andrà a finire.