I gozzi sorrentini dei Fratelli Aprea alla conquista della Cina

gozzosorrentino

SORRENTO. Le mitiche barche realizzate dai Cantieri Navali Fratelli Aprea approdano sui mercati asiatici.

 

Con un contratto in esclusiva stipulato dopo una complessa trattativa durata oltre tre mesi, la sorrentina Cantieri Navali Fratelli Aprea srl ha affidato alla Shangai S-W. Yacht International Ltd. di Shanghai la vendita in tutto il territorio della Repubblica Cinese dei tipici gozzi sorrentini prodotti dal prestigioso cantiere che, dal lontano 1890, realizza barche nate grazie al lavoro minuzioso dei maestri d’ascia. Una vera e propria forma d’arte nata a Sorrento e tramandata gelosamente di generazione in generazione. Ancora oggi, le imbarcazioni vengono costruite in modo artigianale anche se poi linee e design si sono evoluti in direzione dell’innovazione e della tecnologia.

“Il nostro – commenta Giovanni Aprea, uno dei titolari dei cantieri – rappresenta un mercato di nicchia, rivolto a chi ama il lavoro artigianale, la tenuta del mare, le barche frutto della tradizione sposatasi nel tempo con l’innovazione. Un elemento, quello della tradizione, che ci accomuna alla Cina e che ci ha portato a stringere questo accordo. La nostra produzione è, per il 20 per cento rivolta alle esportazioni (in particolare Australia e Paesi europei come la Croazia e la Spagna), una percentuale che ora stiamo cercando di accrescere. Siamo, infatti, in contatto con la Turchia dove potremmo, a breve, incassare, un altro importante accordo”.

La durata del contratto con i partner cinesi è di 14 mesi, ma con l’opzione, in favore della Shangai Yacht International, di prorogarlo per altri quattro anni. Per il primo anno la società cinese si è impegnata ad acquistare imbarcazioni per un valore non inferiore ad un milione e 330mila euro e, nel caso venga esercitata l’opzione, dovrà procedere ad acquisti pari ad un valore complessivo di oltre 12 milioni e 500mila euro. In particolare, per il primo anno 1.875mila euro, per il secondo 3.750mila, per il terzo e per il quarto 3.530mila euro.

La partenza è stata più che promettente se si considera che la Shangai Yacht International, nell’ambito dell’iniziale periodo di 14 mesi, ha già ordinato due imbarcazioni per un valore di oltre 400mila euro.

Il partner cinese, inoltre, in base a quanto riportato nell’accordo, curerà a sue spese sia la commercializzazione, che il marketing delle imbarcazioni che saranno consegnate dalla Fratelli Aprea presso il proprio cantiere.

È interessante, infine, notare che il prezzo delle imbarcazioni sarà pagato per il 70 per cento all’atto dell’ordine mentre il saldo avverrà alla consegna. In pratica, la responsabilità della Fratelli Aprea termina al momento della consegna delle imbarcazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA