Grande successo per la XII edizione delle “Serate gastronomiche culturali” nel nome di Caruso

ristorante-museo-caruso

Si è conclusa con la proiezione di un backstage di “Caruso, la voce dell’amore”, la fiction trasmessa da Rai Uno nello scorso autunno, la XII edizione delle “Serate gastronomiche culturali carusiane” tenuta nel ristorante-museo di Sorrento intitolato al tenore.

Presenti, fra gli altri, Stefano Reali, il regista della fiction con gli attori Yuri Gugliucci e Patrizio Rispo. Un vero successo per la serata organizzata dallo studioso foggiano Guido D’Onofrio e da Paolo Esposito, il titolare del locale dedicato al tenore in Piazza Tasso.

D’Onofrio ed Esposito hanno evidenziato il valore della fiction di Rai Uno che ha contribuito a ricordare fuori dai confini di Sorrento, l’intenso rapporto tra Caruso e la città, grazie alle riprese girate nei luoghi dove il tenore napoletano soggiornò nelle ultime settimane della sua vita.

Per il ristornate di Paolo Esposito aperto nel lontano 1987 l’ennesima serata da ricordare, tra fotografie d’epoca, caricature, giornali, dischi originali a 78 giri del tenore napoletano riproposti su preziosi grammofoni d’epoca, la serata ha regalato anche questa volta momenti suggestivi.

Durante la serata stati serviti piatti tipici della cucina napoletana alla quale era molto legato Caruso di cui è accertata la fama di buongustaio. Il menu: prosecco e panzarotti, insalata di polipo con carciofi, strozzapreti, scampi con rucola e pomodorini, risotto con zucchine e gamberi, filetto di spigola al forno su letto di patate, contorno di spinaci, tagliata di frutta, ricotta e pera. Nel ristorante-museo di Sorrento, a pochi passi da piazza Tasso, D’Onofrio ed Esposito organizzano ogni anno altri due appuntamenti in omaggio a Caruso: il 2 agosto per l’anniversario della morte e il 25 febbraio per l’anniversario della nascita.