Furti nelle chiese di Vico Equense, i carabinieri hanno una pista

Furtichiesa

VICO EQUENSE. Sono almeno tre i furti messi a segno negli ultimi giorni negli edifici di culto. Raid che, secondo gli investigatori, sarebbero tutti riconducibili allo stesso autore. Al momento, comunque, c’è il massimo riserbo sull’indagine condotta dai carabinieri, che sembrano essere vicini ad identificare il ladro di oggetti preziosi custoditi nelle chiese della penisola sorrentina.

 

Durante l’ultimo colpo nella frazione collinare di Bonea, a Vico Equense, il ladro è piombato nella chiesa di San Giovanni Battista ed in pochi istanti ha raggiunto una vetrina dove c’erano in bella mostra due calici d’argento. In quel momento, però, è stato scoperto da una persona che aveva un appuntamento con il parroco.

L’uomo a quel punto è scappato riuscendo a dileguarsi. Poche ore dopo, è partita la denuncia ai carabinieri da parte del sacerdote, don Pasquale Vanacore: stando alle indicazioni del testimone il ladro è un uomo alto, claudicante e anche un po’ stempiato. Elementi chiave per i carabinieri di Vico Equense che si sono attivati per risalire all’identità del malvivente e braccarlo definitivamente.

RIPRODUZIONE RISERVATA