Frane e smottamenti: A Marina di Puolo è allarme rischio idrogeologico

FranaPuolo4

MASSA LUBRENSE. “Da oltre un anno, ad ogni acquazzone, siamo costretti a mettere degli argini di fortuna davanti alle porte delle case per evitare che l’acqua penetri all’interno”.

 

È la denuncia degli abitanti di Marina di Puolo, il borgo dei pescatori a metà strada tra Sorrento e Massa Lubrense, in merito alla difficile situazione che sono costretti ad affrontare dai primi di dicembre del 2012, quando si verificò una frana che ha distrutto le Rampe Sant’Anna, l’antico sentiero pedonale che prima del crollo consentiva di raggiungere via Partenope.

In seguito allo smottamento, pietre, fango e terreno si riversarono lungo la stradina fino ad arrivare a raggiungere la spiaggia (immagini nella fotogallery allegata all’articolo).

L’amministrazione comunale di Massa Lubrense è intervenuta predisponendo interventi per la rimozione dei detriti e per la canalizzazione delle acque pluviali, mentre alla base del sentiero è stata realizzata una piccola paratia dei mattoni. “Però i lavori di messa in sicurezza delle rampe non sono ancora stati eseguiti – dicono alcuni dei residenti – e ad ogni acquazzone dalla stradina scende una grande quantità di acqua mista a fango che rischia di entrare nelle case”. Già nei giorni scorsi, infatti, a cause delle forti piogge si è verificato il distacco di altri massi.

Ma la situazione può diventare ancora più drammatica. “Se dovesse verificarsi una nuova frana come quella dell’anno scorso – affermano ancora gli abitanti di Marina di Puolo – rischiamo di subire danni ancora più ingenti, se non anche delle vittime. Ciò soprattutto considerando che la maggior parte delle abitazioni del borgo sorgono proprio alla base delle Rampe Sant’Anna. Senza dimenticare un altro pericolo rappresentato da un traliccio della pubblica illuminazione che è pericolosamente in bilico e se dovesse crollare, oltre a mettere a rischio l’incolumità dei passanti, provocherebbe un black-out nell’intera zona”.

Intanto, mentre i temporali fanno alzare la soglia di attenzione per nuovi smottamenti lungo le Rampe Sant’Anna, a Marina di Puolo si registrano anche altri problemi. “Da alcune settimane – spiega Antonino Di Leva, uno dei residenti della zona – abbiamo constatato che il rivolo che attraversa la spiaggia, nonostante i forti acquazzoni, non sversa più acqua come in passato, poi sulla battigia abbiamo rinvenuto dei massi. Ciò lascia supporre che si sia verificata una frana nella parte a monte la quale ha ostruito l’alveo”.

Un ulteriore rischio idrogeologico, insomma, che incombe sui circa 150 abitanti della frazione. “Se non si provvede quanto prima a bonificare il corso del ruscello – precisa Di Leva -, nelle prossime settimane non si possono escludere ulteriori smottamenti provocati dalle piogge e l’arrivo di nuove e più consistenti quantità di detriti sulla battigia”.

Gli abitanti del borgo, quindi, chiedono agli amministratori pubblici di attivarsi per garantire la sicurezza dei residenti ed anche delle loro abitazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA