Fa installare un montascale ma il rimborso arriva 2 anni dopo la morte

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

PIANO DI SORRENTO. Una di quelle storie che dimostrano, qualora ancora ce ne fosse bisogno, la farraginosità della burocrazia italiana. La vittima dei ritardi degli uffici pubblici è un’anziana di Piano di Sorrento. Nel suo palazzo c’è una vecchia scala in muratura che le impediva uscire di casa agevolmente in quanto disabile. Decise, quindi, di farsi predisporre un progetto contro le barriere architettoniche. Lavori poi costati ben 5 mila euro: In pratica si fece installare un montascale con pedana.

Poi presentò la richiesta per ottenere il rimborso, così come prevede la legge, alla Regione Campania attraverso il Comune. L’iter come spesso avviene in questi casi, si tramutò ben presto in odissea dai tempi interminabili. Solo ieri, infatti, a distanza di 11 anni dalla domanda, i soldi sono finalmente arrivati. Purtroppo, però, l’anziana non ha avuto modo di vedere l’agognato bonifico sul suo conto corrente visto che è deceduta ormai da due anni.

A quanto sembra il ritardo nel rimborso sarebbe dovuto ad un’errore degli uffici del Comune di Piano di Sorrento nel distribuire le risorse regionali alle persone che hanno chiesto il rimborso delle somme spese per abbattere le barriere architettoniche.