Capri Watch - Fashion Accessories

Estate 2019, reati in calo del 31% sui treni Eav

circum-vigilantes

L’estate si avvia a conclusione ed è tempo di bilanci. Soprattutto per l’Eav che durante la bella stagione è costretta a fare i conti con diverse emergenze, la più pressante delle quali è quella legata alla criminalità. Furti, borseggi, aggressioni ed atti vandalici da parte di baby gang creano scompiglio tra i viaggiatori e destano allarme per gli operatori del turismo preoccupati dal danno di immagine che ne deriva. Quest’anno, comunque, sembra che almeno sul fronte della sicurezza dell’utenza le cose siano andate abbastanza bene. A confermarlo i numeri del report diffuso direttamente dall’azienda.

“Anche quest’anno – fanno sapere da Eav – possiamo tracciare un consuntivo finale dell’estate appena trascorsa per attestare l’efficacia delle azioni di prevenzione messe in campo e valutare la bontà del dispositivo attuato al fine di contenere le criticità legate all’aspetto sicurezza. I dati ci restituiscono una performance notevolmente migliorata rispetto allo stesso periodo del 2018, grazie anche ad una più incisiva e concreta collaborazione raggiunta con le forze dell’ordine.

I dati sono in continuo miglioramento dal 2017 al 2019.
2017 -28% rispetto al 2016
2018 -37% rispetto al 2017
2019 -31% rispetto al 2018

Abbiamo effettuato due diverse tipologie di servizi:
1. servizi dedicati esclusivamente al fenomeno dei borseggiatori e quindi svolti a bordo treno congiuntamente alle forze dell’ordine (personale di security in supporto e affiancamento alle forze dell’ordine) Nel 2016 abbiamo registrato 49 eventi di borseggio per arrivare ai 7 eventi nel 2109.
2. servizi di security composti da personale della protezione aziendale e da Gpg armate finalizzati alla prevenzione dei reati, all’allontanamento di chiunque provocasse turbativa o disturbo ovvero si rendesse autore di condotte illecite (in questo allertando immediatamente le forze dell’ordine).

I dato generale esaminato dal primo giugno al 31 agosto 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno 2018 ci restituisce una riduzione del 31 per cento del numero complessivo degli eventi di natura criminosa.
Nel dettaglio poi:
Gli eventi a danno dell’utenza complessivamente si sono ridotti del 39%
· I furti, borseggi, scippi e rapine sono diminuiti del 71%,
· Le aggressioni sono diminuite del 33%,
· I disagi derivati dalla presenza di tossicodipendenti, clochard, persone in stato di ebrezza, sono ridotti del 32%
Gli eventi a danno del patrimonio aziendale complessivamente si sono ridotti del 18%
· Le aggressioni subite dal nostro personale sono rimaste pressoché identiche a quelle dell’anno precedente
· I furti sono diminuiti rispettivamente del 33% quelli tentati e del 50% quelli consumati
· Atti vandalici diminuiti complessivamente del 33%

Per qualificare il significativo apporto dato dalle forze dell’ordine. si riporta il dato dei fermi o arresti (di cui siamo a conoscenza perché direttamente coinvolti e quindi verosimilmente parziale):
· 68 (tra fermi e arresti) in termini di percentuale e raffronto col passato 2018 registriamo quindi un notevolissimo incremento: +143%