Domenica al via la “Maratrail di Termini”

Maratreil-termini

Massa Lubrense. Prevista una grande partecipazione di appassionati di trekking alla “Maratrail di Termini”, la mezza maratona per escursione e quindi non agonistica su sentieri, compreso quello delle Sirenuse, di recente ideato dal cartografo Giovanni Visetti.

 

Domenica appuntamento alle 9,45 in piazza Santa Croce di Termini, il balcone naturale di Massa Lubrense su Capri ed i Faraglioni, per escursionisti ed ecoturisti per vivere la Maratrail di Termini, che coi suoi 28 chilometri di itinerario su sentieri e sterrati di collina con circa 1.300 metri di dislivello su un percorso ad anello, è la manifestazione “più in” per gli amanti delle passeggiate nella natura alla ricerca degli angoli più nascosti della Terra delle Sirene. Oltre a toccare Punta Campanella, il Monte San Costanzo, Le Tore ed il Pizzetiello, tra i luoghi più panoramici dell’estremità del delta della penisola sorrentina, quest’anno la “Maratrail di Termini” includerà il Sentiero delle Sirenuse, il percorso che permette di ammirare molto da vicino gli isolotti de Li Galli, i mitici scogli delle Sirene.

Partenza dunque da Termini domenica alle 9,45 in direzione di Sant’Agata sui due Golfi dove, dopo sei chilometri e mezzo di cammino percorsi attraversando Tore di Casa, Schiazzano, Titigliano, Acquara, Canale, si sosterà intorno alle 11,30 per la pausa-caffè.

L’escursione riprende per via Pontone per raggiungere prima la Pineta delle Tore in territorio di Sorrento e poi per ascendere il “Pizzetiello” a quota 489 metri e godere, dopo 11 chilometri e mezzo, della “pausa-picnic” intorno alle ore 13; sfiorando Borra e successivamente Monticello si giunge a Torca per la seconda “pausa-caffè” e da qui attraverso via Nula costeggiando il Cafariello ed il Cuparo, ed ancora il Monte di Monticchio, Spina, Caprile, Colarusso, Bivio del Peraccio, Casa, Capod’arco, si scende a Nerano dove al 21esimo chilometro percorso alle 16,30 si profitta d’una pausa per rifornirsi di bevande prima di ascendere alla Pineta del Monte San Costanzo, cui segue però la discesa fino a Punta Campanella.

Lasciati i panorami del Golfo di Salerno dal Promontorio di Minerva, ad un “tiro di schioppo” da Capri, si ammirano quelli del Golfo di Napoli quando si passa per Namonte, Cancello, Mitigliano e Cercito per ritornare dopo 28 chilometri di percorso verso le 19 a Termini: giusto in orario per la cena. Poiché la partecipazione alla Maratrail di Termini è libera e non impegna in alcun modo l’organizzazione si consigliano abbigliamento “casual” e scarpe antisdrucciolo.

Per informazioni www.giovis.com ; email: giovis@giovis.com ; tel.3396942911.

RIPRODUZIONE RISERVATA