Disservizi Circum, il sindaco scrive all’Eav

stazione-piano-sorrento

PIANO DI SORRENTO. Ha deciso di prendere carta e penna e di scrivere direttamente al presidente dellEav per segnalare lo stato di degrado ed abbandono in cui versa la stazione della Circum. Il sindaco di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino, ha messo nero su bianco i problemi che affliggono lo scalo ferroviario che sorge nel Comune che amministra da qualche settimana e l’intero trasporto pubblico su ferro.

Iaccarino parla senza mezzi termini di “numerosi disservizi, con crescenti disagi a danno degli utenti, dovuti al trasporto pubblico della Circumvesuviana con particolare riferimento allo stato di degrado in cui versa la stazione ferrovia di Piano di Sorrento dove, tra i tanti problemi, si segnala la chiusura della biglietteria con il conseguente impedimento da parte degli utenti ad acquistare i titoli di viaggio”.

A questo si aggiungono quelle che il primo cittadino definisce “croniche deficienze del servizio”, ossia “corse saltate, ritardi spesso lunghissimi e scioperi frequenti e anche senza preavviso”. Insomma una situazione che “mortifica migliaia di utenti residenti e turisti con effetti a catena sull’intero sistema della mobilità”.

“La vendita dei titoli di viaggio presso gli esercizi commerciali – aggiunge Iaccarino – è indisponibile nei giorni e nelle ore di chiusura di tali esercizi per cui, anche volendo, diventa praticamente impossibile dotarsi degli biglietti. E ciò con danno oltre che dell’utenza anche dell’azienda. Ho personalmente constatato tali disfunzioni presso la stazione della Circum a Piano di Sorrento rilevando l’assenza di adeguate informazioni col risultato che risulta inevitabilmente incentivato l’uso del mezzo pubblico senza biglietto. Credo si tratti di una problematica da affrontare e risolvere con assoluta priorità nello stesso interesse dell’Eav provvedendo a dotare la stazione di un servizio di biglietteria automatica che risolverebbe almeno questo problema, fermo restando tutti gli altri”.

“Infine – conclude il sindaco di Piano di Sorrento – segnalo la necessità, considerata la centralità della stazione nel contesto della città e l’attenzione che ho riservato alla stessa e al servizio anche nel programma elettorale e di conseguenza nelle linee programmatiche della mia amministrazione, di valutare anche di concerto il sottoscritto un piano di riqualificazione dello scalo ferroviario e di tutta l’area affinché la stazione non si trasformi, come purtroppo avviene in tante altre realtà della rete, in un luogo di degrado urbano con tutti i rischi annessi e connessi”.