Capri Watch, fashion accessories

Dipendenti Eav in divisa, il sindacato: “Provocano l’orticaria”

Circum11

Si può essere allergici alla divisa sia per nobili ideali pacifisti, sia per più terrene battaglie sindacali. A Napoli sembra prevalere la seconda, almeno lungo i binari e le tratte dell’Eav (leggi Circumvesuviana, Cumana e mezzi vari su gomma). Da domani, secondo una disposizione aziendale, tutto il personale viaggiante (scorta e condotta) dovrebbe indossare la divisa d’ordinanza ed esporre il cartellino identificativo.

Una norma banalissima che altrove viene addirittura invocata. Ma nell’azienda, che negli anni s’è distinta per tornelli bucati e portoghesi a piede libero, la divisa provoca l’orticaria. Non in senso figurato, ma, secondo il sindacato Orsa, in senso medico, epidermico, dermatologico.

In una risposta alla disposizione dei vertici, i sindacalisti si sono dimostrati molto attenti alla pelle dei lavoratori. I tessuti di alcuni capi provocherebbero fastidiosa e invalidante eruzione cutanea. Anche il cartellino identificato non va bene, non sarebbe conforme alle disposizioni del garante della privacy. E poi manca persino uno spazio adeguato al cambio abiti.

Finora ci si abbigliava a piacere ed era difficile distinguere un ferroviere da un passeggero. Poco male, l’abito “borghese” aiutava a mimetizzarsi e se c’era la mala parata si evitavano questioni. Tanto l’orticaria (da stress) se la beccavano i viaggiatori in attesa.

di Pietro Treccagnoli da Il Mattino