De Sanctis, week end in penisola sorrentina per il numero uno azzurro

De-sanctis-marinella

SORRENTO. Non è solo il portiere del Napoli e per molto tempo il secondo di Buffon in nazionale, Morgan De Sanctis ha mostrato in questi tre giorni di essere sopratutto una grande persona.

 Arrivato in penisola sorrentina per festeggiare insieme al club “Napoli Massa Lubrense” la chiusura del campionato e il primo anno della nascita del fan club, il numero uno azzurro ha deciso di restare per l’intero fine settimana assieme a tutta la sua famiglia.

Il “pirata” nella giornata di ieri ha fatto visita ad un piccolo tifoso malato della Marina di Cassano, portando sorrisi e una giornata felice in un contesto non proprio semplice, mostrando di essere prima un uomo, poi un padre e infine un giocatore di calcio.

Chi ha avuto modo di parlare con lui ha detto di essere rimasto stupito dalla sua normalità ed educazione, una persona lontana anni luce dai riflettori del mondo calcistico.

Ieri in serata De Sanctis si è fermato a mangiare al ristorante “La Marinella” di Sant’Agnello con alcuni amici della costiera. Una serata tranquilla in un posto fantastico, dove il “pirata” è rimasto affascinato dal panorama mozzafiato: mangiando in riva al mare tra il rumore delle onde e i colori della penisola.

Quando De Sanctis tornò a Udine con la maglia azzurra, i tifosi bianconeri gli riservarono un’accoglienza speciale, tra applausi e dimostrazioni di affetto. Per noi fu strano, non capimmo il perché di tanta stima. Dopo questa lunga esperienza in maglia azzurra sul suo operato da portiere si potrà discutere, ma neanche tanto, però sul suo ruolo da giocatore simbolo, dentro e fuori dal campo, non c’è nulla da dire: “un grande”.

RIPRODUZIONE RISERVATA