Ecco “Dannate nuvole”: Vasco è tornato

Vasco

E’ il momento che milioni di fan italiani stavano aspettando: da poche ore è infatti stato reso noto il nuovo singolo di Vasco Rossi dal titolo “Dannate nuvole”. Una poesia con cui il “comandante” lancia ufficialmente il tour 2014: Olimpico di Roma 25, 26 e 30 giugno e Stadio San Siro di Milano 4, 5, 9 e 10 luglio.

“Quando cammino su queste Dannate Nuvole vedo le cose che sfuggono dalla mia mente”, così quasi sussurrando Vasco inizia a cantate il brano come fosse sospeso nell’aria. Poi arriva il primo inciso al primo minuto e l’assolo di chitarra di Stef Burns dà la volata alla canzone per poi tornare e cede il passo alla conclusione “Quando mi viene in mente che non esiste niente” con la sola voce di Vasco e due accordi di pianoforte. Il testo è una riflessione amara sull’esistenza di oggi: “Quando cammino in questa valle di lacrime vedo che tutto si deve abbandonare niente dura, niente dura e questo lo sai però non ti ci abitui mai”.

testo

testo

Ecco il testo di “Dannate nuvole”:

Quando cammino su queste,
dannate nuvole,
vedo le cose che sfuggono,
dalla mia mente.
Niente dura, niente dura,
e questo lo sai,
però,
non ti ci abitui mai.

Quando cammino in questa,
valle di lacrime,
vedo che tutto si deve,
abbandonare.
Niente dura, niente dura,
e questo lo sai,
però,
non ti ci abitui mai.

Chissà perché…?

Quando mi sento di dire la verità,
sono confuso,
non sono sicuro.
Quando mi viene in mente,
che non esiste niente,
solo del fumo,
niente di vero.
Niente è vero, niente è vero,
e forse lo sai,
però,
tu continuerai.

Chissà perché…?

Quando mi viene in mente,
che non esiste niente,
solo del fumo,
niente di vero.
Niente dura, niente dura,
e questo lo sai,
però,
tu non ti arrenderai.

Chissà perché…?

Quando mi viene in mente,
che non esiste niente.