Dall’Europa a Punta Campanella, arrivano i volontari per l’ambiente

Progetto-mare

MASSA LUBRENSE. Riparte il progetto europeo “Mare”. Otto ragazzi lavoreranno insieme all’Area marina protetta di Punta Campanella per 7 mesi. I ragazzi, provenienti da Germania, Spagna, Lettonia e Francia, supporteranno le varie attività del Parco nei mesi primaverili ed estivi.

L’iniziativa, che coinvolge per il secondo anno consecutivo l’Amp di Punta Campanella, rientra nel progetto europeo “Mare” (avventure marine nel rispetto dell’ambiente), uno scambio culturale tra nazioni diverse con al centro la tutela dell’ecosistema marino.

I volontari, dopo un periodo di formazione, parteciperanno alle numerose attività dell’Area marina, dall’educazione ambientale al monitoraggio delle aree del parco. Ripuliranno spiagge e informeranno i bagnanti sul danno dei rifiuti in mare, recupereranno e cureranno le tartarughe marine catturate accidentalmente nelle reti da pesca. In canoa, contribuiranno a ripulire il mare nella Baia di Ieranto e parteciperanno a fiere ed eventi per attività di sensibilizzazione ambientale.

Nel primo periodo, i volontari saranno affiancati dai ragazzi del progetto Mare 2013 che lo scorso anno svolsero un ottimo lavoro nel Parco. I risultati furono davvero sorprendenti per la prima esperienza del progetto: 26 uscite in gommone per la pulizia del mare, 50 giorni di attività di monitoraggio, pulizia del mare e delle spiagge, informazione con i turisti nella Baia di Ieranto,
recupero e liberazione di 8 esemplari di tartaruga marina.

Quest’anno si punterà anche alla collaborazione con altre realtà del territorio che perseguono fini di tutela dell’ambiente. Oltre al rapporto di collaborazione con il Fai per la tutela della Baia di Ieranto – i volontari con l’area marina lavoreranno sia a mare che a terra – i ragazzi saranno ospiti di altre realtà come il Csi “Gaiola”, il “Laboratorio Artistico e Mineralogico Vesuviano” e la Cooperativa “Le Tribù” per scambiare esperienze ed attività.