Dalla Taverna agli Stati Uniti, Guido Lembo racconta la sua carriera attraverso la musica

Lembo2

SORRENTO. Questa sera Guido Lembo racconta la sua vita al teatro Tasso di Sorrento..

 Una carrellata di canzoni vecchie e nuove del repertorio internazionale, i classici della canzone napoletana, sino ad alcuni brani composti dallo stesso Guido. Circa due ore di show, per un parterre d’eccezione: si preannuncia il tutto esaurito al Tasso. Lo spettacolo è stato curato insieme allo stesso Guido Lembo da Maurizio Mastellone e la direzione artistica è stata affidata ad Alessandro Ferraglione, e vedrà la partecipazione del figlio Gianluigi, nel ruolo di un giovane Guido Lembo.
Guido, perché ha scelto Sorrento? “Perché qui mi sento come a casa, Sorrento appartiene allo stesso lembo di terra della mia Capri”.

Dal piccolo palco della Taverna ai grandi teatri, alla tv. “In questo mondo non si arriva mai, dietro l’angolo ci sono sempre nuove sfide e nuovi traguardi da raggiungere. Bisogna essere sempre attivi”.
Lo spettacolo ieri e oggi? “Prima la gente arrivava nei locali alle 22.30, massimo le 23. Ora tra aperitivo e drink, spesso mi capita di iniziare serate anche alle due di notte. Non mi sembra un buona cosa, servirebbe un cambiamento di vita”.

RIPRODUZIONE RISERVATA