Da Massa Lubrense ai mitici All Blacks

luke-romano

Continua la tradizione che vede gli eredi degli emigranti in Nuova Zelanda affermarsi tra i più forti giocatori di rugby del mondo, sport nel quale il Paese australe domina in modo pressoché incontrastato. Questa volta a fare onore alla penisola sorrentina è Luke Romano, pronipote di Raffaele Romano, che nel lontano 1923 partì da Massa Lubrense per cercare fortuna in Nuova Zelanda. Luke, nato 29 anni fa a Nelson, veste la maglia degli All Blacks e viene considerato dagli esperti uno tra i migliori attaccanti della sua nazionale impegnata in questi giorni nella Coppa del Mondo che si disputa in Inghilterra.

Luke Romano è alto 1,99 metri e pesa 111 kg, gioca con la maglia numero 4 ed è uno dei pilastri degli All Blacks, famosi nel mondo anche per la loro danza propiziatrice della tradizione Maori  che ripetono all’inizio di ogni match che si apprestano a disputare.

Luke Romano è il secondo atleta originario di Massa Lubrense a partecipare al mondiale di rughy. Il primo fu nel 2003 Aaron Persico che, avendo il doppio passaporto, optò per giocare con la nazionale italiana. I suoi nonni, infatti, Liberato e Teresa erano originari di Marina della Lobra ed anch’essi partirono alla fine del secondo conflitto mondiale alla volta della Nuova Zelanda.

Nel frattempo anche Lance, fratello minore di Aaron, si sta imponendo come uno dei migliori giocatori al mondo: è nazionale italiano under 21 e già si è fatto apprezzare per la sua tempra.