Capri Watch fashion & Accessories

Da domani a Sorrento riprende la pulizia dei fondali marini

pulizia-fondali

SORRENTO. Riprendono le attività di pulizia dei fondali marini di Sorrento con due appuntamenti: domani, sabato 1 aprile, nella zona del porto di Marina Piccola, e l’8 aprile, presso il borgo dei pescatori di Marina Grande. L’iniziativa è promossa dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Sorrento, dall’Area marina protetta di Punta Campanella e dalla società Penisolaverde con la collaborazione dell’Ufficio di Sorrento e il Nucleo Sub di Napoli della Guardia Costiera, il Nucleo sommozzatori del secondo reparto tecnico di supporto di Nisida della Guardia di Finanza di Napoli, l’associazione Marevivo, i sub volontari dell’Associazione J. Cousteau, gli Amici degli Abissi, Futuro Mare, la Cooperativa Sant’Anna e alcuni gruppi di apneisti.

pulizia-fondali-marina-grande-11

Dopo gli appuntamenti previsti per aprile le attività proseguiranno nel mese di maggio per poi concludersi tra settembre ed ottobre di quest’anno. Nella passata edizione in soli tre appuntamenti sono state raccolte circa 13 tonnellate di rifiuti, la maggiore parte dei quali composta da attrezzi utilizzati per la pesca tra cui reti, nasse e utensili vari, oltre a qualche copertone di notevoli dimensioni, ormai abbandonati da molti anni sui fondali di Sorrento. Questa iniziativa segue anche alcune bonifiche effettuate nelle settimane scorse sia a terra che sull’arenile di Marina Grande che stanno favorendo un pieno recupero del luogo.

“Dopo il grande successo riscontrato nelle attività dell’anno scorso – dichiara il consigliere comunale Luigi Di Prisco – riprendono gli appuntamenti di pulizia dei fondali previsti per questo 2017. Siamo certi che con le sinergie tra tutti i soggetti che parteciperanno a questi appuntamenti, tra forze dell’ordine e volontari, continueremo nel recupero di alcune aree tanto care ai sorrentini, nonché di altissimo interesse turistico. E’ essenziale tenere alta l’attenzione sulla risorsa mare affinché la qualità delle nostre acque sia sempre più elevata sia per la nostra salute che per le ricadute positive sul comparto turistico”.