Capri Watch - Fashion Accessories

Contributo della Camera di Commercio per le luminarie a Massa Lubrense

luminarie-massa-lubrense

MASSA LUBRENSE. Un finanziamento della Camera di Commercio per installare luminarie natalizie nelle zone a più alta densità commerciale del territorio comunale. Luci che andranno ad aggiungersi a quelle già previste dall’amministrazione di Massa Lubrense che saranno accese, come tradizione, ai primi di dicembre.

“È stata pienamente accolta – commenta l’assessore al Turismo, Giovanna Staiano – la richiesta di finanziamento formulata dal Comune di Massa Lubrense alla Camera di Commercio di Napoli per l’installazione di luminarie per le prossime festività natalizie. Già da qualche giorno abbiamo pubblicato il bando di gara per luci che si accenderanno il 7 dicembre sera come oramai da consuetudine con una cerimonia semplice ma simbolica.

Quest’anno abbiamo previsto luminarie in tutte le frazioni e due grandi alberi nel centro di Sant’Agata sui due Golfi ea a Massa, così come abbiamo preferito aumentare l’illuminazione degli alberi e delle vegetazioni già presenti in natura”.

“Grazie al finanziamento di 25mila euro riconosciutoci dalla Camera di Commercio – aggiunge Staiano – andremo a realizzare un ulteriore progetto predisposto dal responsabile dell’ufficio Attività produttive, Rosario Acone, con il quale andremo a potenziare le luminarie nelle zone ad alta densità commerciale, andremo, altresì, ad illuminare le facciate di alcune chiese con fari architetturali.

Un doveroso ringraziamento va rivolto al presidente della Camera di Commercio, Ciro Fiola, che con l’istituzione di questo bando ha mostrato attenzione alle attività commerciali del territorio. Colgo l’occasione per comunicare che nei prossimi giorni sarà anche selezionata la ditta che dovrà occuparsi dei lavori al parco di via Reola, i tempi sono stati lunghi per la burocrazia che notoriamente assilla le Pubbliche Amministrazioni, a breve però apriremo il cantiere e i cittadini potranno finalmente comprendere concretamente in che modo sono stati investiti i soldi delle luminarie a cui hanno, con grande generosità, rinunziato l’anno scorso”.