Un concorso per la nuova scuola, a Piano le idee arrivano dalla gente

scuola-carlo-amlafi

PIANO DI SORRENTO. Venerdì alle ore 11 al Comune si terrà la proclamazione del vincitore per il miglior progetto relativo al nuovo istituto scolastico da realizzare in via Carlo Amalfi.
Dei 52 plichi pervenuti in forma anonima, la commissione ha pubblicato la graduatoria dei primi 10 finalisti e renderà note le motivazioni nella seduta pubblica di venerdì.

In quest’occasione saranno, inoltre, esposti i progetti classificati ai primi cinque posti e saranno consegnati ai concorrenti i premi previsti dal bando: 4.800€ per il primo posto, 3.800€ per il secondo, 3.000€ per il terzo, 2.000€ per il quarto e 1.000€ per il quinto.

“Presenteremo la scuola del futuro – dichiara in merito il sindaco, Giovanni Ruggiero – una struttura moderna e rispondente a tutti i criteri architettonici, energetici e tecnologici previsti dalla legge e dagli standard che noi stessi come amministrazione ci siamo prefissati. La scuola del presente è già protagonista e oggi ne abbiamo frutto, esperienza e segno con il progetto di Lifelong Learning Programme Comenius con cui Piano di Sorrento ospiterà quest’anno studenti da tutta Europa. Dati alla mano, le strutture dedicate alla scuola dell’infanzia sono più che sufficienti alle esigenze, anche demografiche, riscontrate: non abbiamo bisogno di recuperare un edificio oggi strutturalmente non idoneo, ma abbiamo, invece, bisogno di una scuola nuova, sotto tutti i punti di vista. Stamane, durante l’incontro con il Premier a Napoli – continua il primo cittadino – ho avuto notizia dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Graziano Delrio, che arriverà una risposta singola e personale a tutte le lettere inviate dai sindaci a Matteo Renzi sulle scuole da realizzare sul territorio italiano. Noi attendiamo fiduciosi”.

“Abbiamo optato per la formula del concorso di progettazione – spiega il presidente della commissione, l’ingegnere Graziano Maresca – perché volevamo nuove idee e, soprattutto, volevamo le idee migliori. Nessun’altra formula garantisce un livello così alto di qualità, confronto e studio del territorio: è il sistema ideale per una programmazione dei lavori pubblici all’altezza delle aspettative dei cittadini e dei fondi da investire.”.