Il Comune perde la causa per i terreni della duchessa Elena Maresca di Serracapriola

comune-sorrento

La Corte d’Appello di Napoli ha rigettato il ricorso del Comune di Sorrento con il quale l’ente chiedeva un terreno e un appartamento appartenuti alla duchessa Elena Maresca di Serracapriola. La duchessa scomparsa nel 1984, in uno dei suoi testamenti, decise di lasciare alcuni beni alla fondazione “Domus Mariae di Elena Serracapriola”.

Stando a quella decisione, alcuni immobili dovrebbero andare all’ente municipale di piazza Sant’Antonino. Di diverso avviso invece la Prefettura di Napoli che ho rigettato il ricorso, sancendo la legittimità degli eredi a ricevere i beni.

Con la sentenza, il Comune di Sorrento è stato condannato al pagamento delle spese processuali (circa 4mila e 500 euro) più il rimborso da liquidare alle parti convenute, per un totale di circa 23mila euro. Un impegno economico extra già votato in consiglio comunale.

L’ipotesi di impugnare la sentenza dalla Corte d’Appello in Cassazione è al vaglio della giunta del sindaco Cuomo.