Capri Watch, fashion accessories

Completata la bonifica, riapre il sentiero per la Baia di Ieranto

Escursioni Massa

MASSA LUBRENSE. Via libera per gli escursionisti vogliono raggiungere la splendida Baia di Ieranto, prestigiosa riserva naturale del Fai, il Fondo per l’Ambiente Italiano, ed una delle maggiori attrazioni turistiche, naturalistiche ed ambientali di Massa Lubrense. Sono stati, infatti, completati I lavori per la messa in sicurezza del costone ed il sindaco Lorenzo Balducelli ha potuto revocare l’ordinanza che imponeva lo stop al transito lungo il sentiero.

Gli interventi sono stati resi possibili grazie ad un finanziamento della Direzione Generale per il governo del territorio della Regione Campania che ha nominato il Comune di Massa Lubrense soggetto attuatore delle opere di bonifica. A prendere in carico i lavori il servizio Manutenzione del Comune, diretto da Antonino Prisco, affiancato dal geometra Luigi Savarese.

L’operazione di ispezione e “disgaggio del materiale lapideo pericolante” e’ stata affidata alla ditta Esposito costruzioni di Massa Lubrense che in tempi rapidi e con grande professionalità ha completato la messa in sicurezza. L’area di intervento, di circa 1500 metri quadrati, a seguito di un vasto incendio della scorsa estate era sorta la preoccupazione che dalla parete rocciosa interessata si potesse staccare qualche masso. Dopo una segnalazione del vigili del fuoco ed un successivo sopralluogo dei tecnici della Regione Campania che ravvisavano un pericolo per la pubblica incolumità, il sindaco Lorenzo Balducelli si era visto costretto ad emanare una ordinanza di interdizione del transito pedonale del sentiero che dall’abitato di Nerano conduce alla Baia di Ieranto.

“La riapertura del sentiero che porta alla Baia di Ieranto – dichiara il primo cittadino di Massa Lubrense – è il frutto di un lavoro sinergico che ha visto interessati oltre alla struttura comunale, con il geometra Stefano Ruocco, la direzione generale per il governo del territorio con il geologo Antonio Malafronte, il supporto del consigliere regionale Alfonso Longobardi e la fattiva e preziosa collaborazione del Fondo per l’Ambiente Italiano in tutte le sue articolazioni da quelle centrali a quelle periferiche. Solo la stretta sinergia tra istituzioni ed il FAI ha reso possibile la riapertura in sicurezza del sentiero verso la baia, che è una autentica meraviglia dal punto di visto paesaggistico, naturalistico, storico e culturale. Sono grato a quanti si sono prodigati per questo risultato e permesso ai residenti ed ai turisti di continuare a godere della riserva del Fai”.