Cerimonia per commemorare i caduti della Grande Guerra

foto-commemorazione-caduti

L’associazione nazionale combattenti e reduci penisola sorrentina, guidata da Michele Gargiulo, in collaborazione con le amministrazioni comunali di Sorrento, Sant’Agnello e Piano di Sorrento, ha onorato gli eroi della penisola sorrentina caduti durante la prima guerra mondiale. La cerimonia si è svolta ad Udine, presso il Tempio Ossario di San Nicolò, dove sono state consegnate, alla memoria di alcuni conterranei, le medaglie ricordo in occasione del primo centenario della “Grande Guerra”.

L’iniziativa si inquadra in una serie di manifestazioni che, da quest’anno e sino al 2018, cercheranno di ravvivare il ricordo dei tanti caduti ad un secolo dall’inizio del primo conflitto mondiale.

mario-gargiulo-martino-pollio

Uno dei progetti più coinvolgenti è quello della Medaglia Ricordo “Albo d’Oro” alla memoria, iniziativa alla quale ha aderito anche l’ Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, sezione penisola sorrentina che si è interessata (su incarico dei congiunti) per far rilasciare la Medaglia a caduti di Sorrento, Sant’Agnello, Piano di Sorrento e Massa Lubrense.

“Purtroppo – afferma Michele Gargiulo -, con nostro grande rammarico e dispiacere, il Comune di Massa Lubrense non ha ritenuto di partecipare alla cerimonia di Udine, nonostante fossero due i caduti della città a ricevere l’ambito riconoscimento alla memoria”.

Erano, invece, presenti con i propri gonfaloni e rappresentanti con fascia tricolore, il Comune di Sorrento rappresentato dal consigliere delegato per l’occasione Mario Gargiulo, il Comune di Sant’Agnello, rappresentato dal consigliere delegato per l’occasione Gianmichele Orlando ed il gonfalone della città di Piano di Sorrento.

Dopo una celebrazione eucaristica, si è passati alla lettura di 50 nomi di caduti tratti dall’Albo d’Oro, che ne raccoglie oltre 600.000; tra questi anche alcuni eroi partiti dalla penisola sorrentina: Giuseppe Amura, Gaetano Milone, Luigi Spano, Pasquale Ricci, Giuseppe De Gennaro, Antonino Russo e Antonino Terminiello, tutti caduti in combattimento durante il primo conflitto mondiale.

Il presidente dell’Ancr penisola sorrentina, Michele Gargiulo, ci ha tenuto a precisare che “questa è solo la prima di tante altre cerimonie che vorranno onorare la memoria di chi, partito per il fronte dalla nostra terra, trovò la morte per la difesa della Patria”.

foto di Luigi Garbo.