Capri Watch fashion & Accessories

Caos al centro vaccinale di Piano di Sorrento, attesa di 4 ore

marziani-primo-vaccinato-boscotrecase

Un nostro lettore, Paolo, ci ha inviato un messaggio per evidenziare il caos che regnava ieri al centro vaccinale di Villa Fondi, a Piano di Sorrento. A quanto sembra numerose persone sono state convocate per la stessa ora e ciò avrebbe provocato lunghissime attese, peraltro sotto la pioggia e con un clima tutt’altro che primaverile.

“Ieri sono stato convocato alle ore 17 a Villa Fondi, a Piano di Sorrento, per la vaccinazione anti-covid (prima dose) – spiega il nostro lettore -. Appena arrivato, ho notato che c’era una gran folla di persone che attendevano di essere vaccinate, quasi tutti all’interno della palazzina perchè ogni tanto pioveva e cominciava a fare fresco. Ho chiesto a varie persone l’orario al quale erano state invitate a presentarsi e mi hanno risposto alle ore 17”.

Circostanza che ha preoccupato il signor Paolo, il quale, infatti, ha “dedotto, considerando anche l’affollamento, che erano stati invitati tutti alla stessa ora, cioè alle 17 come me. Cento e più persone che non osservavano e a mio avviso non potevano osservare, la regola del distanziamento; aria cattiva; persone che attendevano da due ore e non erano state ancora chiamate”.

Una situazione complicata, insomma. “Considerando il numero del bigliettino che mi avevano dato per l’attesa – prosegue nel racconto – ho fatto un rapido conto del tempo che mi sarebbe occorso per essere chiamato ed ho capito subito che avrei dovuto attendere per circa 4 ore. Avrei anche atteso, ma non in quelle condizioni e quindi a un certo punto ho deciso di andare via”.

Decisione che non ha preso a cuor leggero. “Sono rimasto molto deluso e perplesso, perchè penso che con l’assembramento che c’era e con il distanziamento del tutto insufficiente riscontrato, le probabilità di essere colpiti dal virus non erano certamente poche – evidenzia -. Mi chiedo se le autorità sono al corrente di queste situazioni e di come facciano, le stesse, ad affermare che un buon cittadino deve vaccinarsi. Io ho tentato, ma non ho voluto rischiare di prendere il Covid restando vittima dell’assembramento”.

Infine il lettore ci tiene a puntualizzare: “Non posso essere sicuro che tutte le persone che erano in attesa (un centinaio circa) erano state invitate tutte a presentarsi alla stessa ora, ossia alle 17. Tale circostanza (medesima ora) l’ho dedotta io chiedendo l’orario di convocazione ad alcune persone e considerando il notevole assembramento che c’era. Vorrei poi aggiungere – conclude – che le mie considerazioni sono state formulate a scopo costruttivo, tenendo conto anche dei sacrifici che stanno facendo gli operatori sanitari, affinchè qualcuno si occupi di migliorare in futuro il flusso dei vaccinandi. Ora dovrò anche cercare di capire come dovrò fare per riprenotarmi”.