Campagna nelle scuole per il risparmio idrico

risparmio-acqua

E’ ripreso a pieno ritmo il progetto “Generazione Acqua: Sprechi Zero”, ideato da Gori e destinato agli studenti dei Comuni nei quali l’azienda gestisce il servizio idrico integrato. Le scuole primarie e secondarie che hanno già aderito all’iniziativa stanno ricevendo in questi giorni la visita di personale qualificato dell’azienda, per approfondire i tanti argomenti che riguardano il mondo dell’acqua. Si tratta, infatti, di giornate studio nel corso delle quali sono affrontati temi quali il risparmio della risorsa idrica, la qualità dell’acqua, la depurazione, la salvaguardia dell’ambiente marino.

Ormai da anni Gori è impegnata in questo percorso formativo/informativo che ha riscosso sempre maggiore successo e coinvolto oltre 10mila studenti dei vari Comuni, tanto che si è ormai entrati in pianta stabile nei Piani di Orientamento Formativo di diversi istituti scolastici.

Gori

E in concomitanza con l’avvio di tale iniziativa per il nuovo anno scolastico, Gori sta promuovendo anche il concorso “Ciak, si risparmia”, che vede gareggiare gli alunni di tutti gli istituti coinvolti nella realizzazione di uno spot video dedicato al risparmio dell’acqua. Al termine dell’anno scolastico il video vincitore sarà premiato da una giuria di esperti, divenendo lo spot istituzionale di Gori sul risparmio idrico. La scuola premiata, inoltre, riceverà gratuitamente l’installazione di un distributore di acqua liscia e frizzante, oltre ad una fornitura di brocche per la mensa scolastica e di borraccine per ciascun studente.

E’ sempre più massiccia, inoltre, la partecipazione di studenti di tutte le età alle visite guidate presso gli impianti gestiti da Gori, sia idrici che di depurazione, presso i quali i ragazzi hanno la possibilità di verificare di persona la complessità delle infrastrutture gestite, le problematiche tecniche o le varie fasi dei processi depurativi. Per gli studenti della scuola secondaria è anche possibile effettuare visite guidate presso il Laboratorio o la Centrale operativa e di Telecontrollo degli impianti, dove il personale Gori può fornire maggiori dettagli tecnico-scientifici.

“Le nuove generazioni sono sempre più attente e sensibili ai temi ambientali – spiega il presidente dell’azienda, Amedeo Laboccetta – ed è proprio per questo che abbiamo deciso di dedicare a bambini e ragazzi specifiche iniziative che, anche quando si configurano come attività ludiche e creative, restano pregne di messaggi educativi e formativi. Il concorso è proprio un esempio di come insegnare ai più piccoli la necessità di risparmiare acqua, facendoli al contempo divertire”.

“Anche quest’anno mettiamo in campo risorse destinate all’educazione ambientale – aggiunge l’amministratore delegato di Gori, Claudio Cosentino – e coinvolgeremo il maggior numero possibile di studenti, soprattutto per mostrare dal vivo impianti, processi e tecnologie che permettono di ricevere in casa un’acqua buona e controllata, sempre”.