Caccia 2014: poker dei Membri con dedica a Libero

membri-a

SORRENTO. I piranha non si saziano mai. I Membri piazzano il poker, vincendo il quarto forziere consecutivo nell’anno in cui la manifestazione festeggia le 30 candeline. All’evento, organizzato per la prima volta dall’associazione “Nemesi”, hanno partecipato sette squadre per un totale di circa novecento cacciatori: Membri, Skuato Boys, Bastardi senza gloria, New Team, Longobarda, Sfaccimmielli e Jokers.

Indizi, corse, conoscenze, cadute, pranzi veloci, computer, intuito, freddo, ambizione, grinta e volontà. La caccia anche quest’anno ha vissuto una competizione entusiasmante che si è conclusa con i ragazzi in tuta nera, capitanati per la prima volta da Adriano Pinto, radunati per le foto ricordo sotto il gigantesco albero di piazza Tasso.

Questa vittoria segna un traguardo particolare: i Membri hanno trionfato per quattro volte di seguito in un gioco dove nessun altra squadra ha mai vinto per due volte di fila. Questo ennesimo timbro marchiato a fuoco sul tesoro, è la dimostrazione che questa è la squadra di cacciatori più forte di sempre. E’ cambiata l’organizzazione, è cambiato il capitano, ma non il risultato finale. Una vittoria sofferta, difficile, arrivata dopo un lungo testa a testa con gli avversari di sempre, gli Skuato Boys. Il team di Giuseppe Parlato ha giocato una grandissima caccia, lottando, come da tradizione, fino alla fine. E forse il momento più bello è stato proprio quell’applauso tra le due squadre lungo via Sersale: gli Skuato Boys al termine della caccia sono usciti dalla loro base e con grande sportività hanno applaudito i Membri, che hanno risposto all’applauso tra strette di mano e complimenti. Un bel gesto. Il volto più bello di un gioco tra ragazzi, che per tre giorni all’anno diventano avversari.

Ma la caccia di quest’anno aveva per tutti un protagonista speciale: Liberato Iaccarino, il ragazzo di Sorrento scomparso dopo una partita del torneo dei Rioni. La sua squadra i “Bastardi senza gloria”, capitanati da Eugenio Balduccelli, hanno giocato una caccia per lui, ottenendo un meritatissimo terzo posto. E siamo certi che Libero si sarà divertito parecchio, da lassù, insieme a Mauro Di Maio, a tifare per i loro compagni e ad assistere a questo meraviglioso spettacolo che ha coinvolto tanti ragazzi della loro terra.

Tra le novità più apprezzate di quest’anno vi è certamente la trasferta nella capitale. Ogni squadra ha dovuto mandare un proprio cacciatore, travestito da Cavaliere, che ha giocato una mini caccia per le strade di Roma: a vincere, manco a dirlo, è stato Andrea Lorenzetti dei Membri che con una prova praticamente perfetta ha regalato 40 minuti di bonus ai suoi compagni.

Una grande applauso, infine, va certamente agli organizzatori: Gianfilippo Liguoro, Emilio Fiorentino, Luca Paladino, Andrea Minieri, Giuseppe Aulicino, Cinzia Cesarano e Luigi Esposito. Organizzare, programmare e gestire un evento di questa portata non è certamente semplice, sopratutto considerando il tempo che hanno avuto a disposizione. E’ ovvio che tante cose vanno certo migliorate, ma come prima esperienza i ragazzi dell’associazione “Nemesi” sono stati certamente promossi. Ora il prossimo appuntamento è per il 3 gennaio, quando al Fauno Notte Club si terrà la cerimonia di premiazione.