Bike sharing: La penisola punta alla mobilità sostenibile

bike-sharing

I Comuni della penisola sorrentina danno il via al progetto Bike sharing, un innovativo sistema automatizzato di biciclette pubbliche condivise, già in essere in piccole e grandi città in Italia ed all’estero, per la riduzione del traffico veicolare privato.

L’ultimo ente della costiera ad ad aderire in ordine di tempo è il Comune di Massa Lubrense che ieri ha approvato una delibare di Giunta attraverso la quale viene dato il via libera allo schema di protocollo d’intesa, in linea, peraltro con analoghe iniziative precedenti cui l’Ente aveva già aderito, come, ad esempio, gli incentivi per l’acquisto di biciclette elettriche.

Il progetto Bike sharing, avviato da tempo in diverse città dell’Unione Europea e anche in diversi Comuni italiani, ha lo scopo di abbassare il livello delle emissioni di gas dannosi per l’organismo provocate dal traffico veicolare, riducendo progressivamente la dipendenza dal petrolio e l’impatto ambientale. L’uso delle biciclette a pedalata assistita presenta, dunque, grandi potenzialità anche per il territorio della penisola sorrentina.

L’iniziativa, che vede nel ruolo di soggetto promotore il Comune di Sant’Agnello, intende puntare alla realizzazione di un sistema integrato di Bike sharing tra tutti i Comuni della costiera anche alla luce del protocollo d’Intesa per la promozione della mobilità sostenibile in penisola sorrentina già sottoscritto dagli amministratori pubblici locali.

La definizione di obiettivi, priorità ed ambiti di intervento sarà affidata al Comitato di Coordinamento, composto dai sindaci o dai loro delegati, che avrà sede a Sant’Agnello.

“Il territorio della penisola sorrentina ed il richiamo turistico rappresentato dalle bellezze paesaggistiche che lo caratterizzano meritano una tutela fatta di gesti concreti – afferma l’assessore del Comune di Massa Lubrense Pietro Di Prisco – e richiedono un cambio di rotta nelle abitudini di ciascuno di noi, con l’impegno da parte delle amministrazioni a dotare la cittadinanza di mezzi e strumenti sempre più eco-compatibili”.