Apertura di un varco dal fondo agricolo di via degli Aranci: Scompare lo stallo per i disabili

varcoviadegliAranci

SORRENTO. Nel corso del mese di luglio di un anno fa numerosi cittadini manifestarono il loro disappunto per la rimozione degli alberi di agrumi che si trovavano nel terreno che sorge al civico 104 bis di via degli Aranci.

 

Operai e macchine operatrici, in pochi giorni, fecero piazza pulita di tutte le alberature presenti nel fondo, uno dei pochi polmoni verdi ancora presenti nel centro cittadino di Sorrento. Il timore era che si stesse lavorando alla costruzione dell’ennesimo parcheggio.

A distanza di 12 mesi la buona notizia è che la paventata trasformazione in area di sosta dell’agrumeto non è avvenuta.

Però da qualche giorno la parte esterna del fondo agricolo è stata chiusa con un recinto in legno. Stando a quanto riportato sulla tabella che campeggia sulla palizzata la Star costruzioni di Belgarbo Alfonso & C. sas, la società proprietaria del terreno, sta lavorando per realizzare un varco di accesso carrabile per le macchine operatrici necessarie alla manutenzione del terreno.

L’auspicio dei residenti è che i lavori in corso abbiano come scopo proprio quello di consentire il passaggio ai mezzi agricoli per consentire la rinascita dell’agrumeto.

Nel frattempo, però, una certezza c’è. Proprio nella parte di strada antistante il varco d’accesso sorge un posto auto riservato ai diversamente abili. L’apertura del passo carrabile comporterà, inevitabilmente, la soppressione dello stallo riservato ad un portatore di handicap che abita nella zona.

Al termine dei lavori dove potrà parcheggiare l’auto il disabile che ha ottenuto l’autorizzazione alla sosta numero 71 nel lontano 18 novembre 2004? Quesito che viene girato direttamente a chi ha accordato la concessione all’apertura del varco proprio in corrispondenza del posto auto per i disabili.

Comunque, grazie alla mobilitazione dei cittadini e della stampa, è stato possibile evitare, almeno fino ad ora, la trasformazione del fondo agricolo. Ma per il futuro cosa accadrà?

Noi di Sorrentopress continueremo a vigilare per evitare che uno dei pochi angoli verdi di Sorrento scompaia e ci si attende che le istituzioni facciano altrettanto.

RIPRODUZIONE RISERVATA