Aliscafi, l’associazione Gente di Mare chiede più servizi

aliscafo

SORRENTO. Fino al prossimo 15 ottobre turisti e pendolari che si servono delle vie del mare potranno contare sulle due corse serali sulla tratta Napoli-Sorrento. Si tratta dell’aliscafo delle 18:45 che da Marina Piccola raggiunge il Molo Beverello e di quello delle 19:30 da Napoli alla penisola. Però, secondo l’associazione Gente di Mare “il ripristino delle due corse serali non basta: serve che la linea Sorrento-Napoli sia nuovamente inserita tra quelle con obbligo di servizio”. Ad affermarlo è il presidente dei marittimi sorrentini, Antonino Persico, il quale ribadisce la necessità di puntare sulle vie del mare come alternativa al trasporto su gomma e su rotaia.

“Gli aliscafi rappresentano il mezzo di collegamento più rapido e confortevole per studenti, turisti e pendolari – spiega ancora il leader dell’associazione –. A settembre scadrà la concessione per la linea Sorrento-Napoli e le istituzioni non devono farsi trovare impreparate”.

Oltre a chiedere il ripristino dell’obbligo di servizio, dal sodalizio dei marittimi lanciano una serie di proposte con lo scopo di potenziare i servizi per l’utenza: l’installazione di un tabellone luminoso in piazza Tasso, che indichi gli orari e le corse eventualmente soppresse, e l’introduzione di un pacchetto comprensivo di servizio navetta e di parcheggio nei pressi del porto. “Chiediamo – conclude Persico – che certe questioni vengano affrontate in un tavolo di lavoro che comprenda Regione, Comuni, sindacati e compagnie di navigazione”.