Al via il concorso per i vigili stagionali

vigili

SORRENTO. L’amministrazione comunale ha avviato la procedura per individuare i soggetti idonei a ricoprire l’incarico di istruttore di vigilanza e dare supporto, durante i mesi di maggiore afflusso turistico, al corpo dei caschi bianchi in servizio permanente, agli ordini del comandante Antonio Marcia. In base al bando predisposto dal dirigente del quarto dipartimento del Comune, Donato Sarno, le domande per partecipare alla selezione dovranno essere presentate entro il prossimo 13 gennaio.

Tempi brevi, insomma, per consegnare la documentazione necessaria: oltre alla compilazione del modulo previsto per la domanda, bisogna produrre anche i titoli posseduti, dalla patente (almeno quella di categoria B) al diploma conseguito, fino alle precedenti attività lavorative nel settore della pubblica amministrazione o nelle forze armate.

Una volta raccolte le richieste gli uffici dell’ente di piazza Sant’Antonino procederanno ad una prima scrematura riducendo il numero dei partecipanti ad un massimo di 150. Operazione tutt’altro che semplice tenendo conto che per la passata selezione furono presentate oltre 700 richieste di partecipazione al bando e furono anche molti i ricorsi presentati dai candidati estromessi che vennero poi accolti. Questa volta si ritiene che il numero delle domande possa essere ancora maggiore. Ciò in quanto la graduatoria di Sorrento viene utilizzata per il reclutamento di agenti provvisori anche da parte di Comuni del vesuviano e della costiera amalfitana.

Quando sarà ultimata la fase di preselezione si procederà a convocare i superstiti per le prove successive. A questo punto si dovrà sostenere un colloquio davanti l’apposita commissione che verterà sulla legislazione amministrativa che disciplina gli enti locali. Inoltre sono richieste nozioni circa le normative che regolano i settori di polizia giudiziaria, stradale, rurale ed amministrativa, la circolazione stradale ed i verbali di contravvenzione, diritto costituzionale, amministrativo, civile e penale ed i relativi codici di procedura, l’igiene dei servizi pubblici e l’organizzazione del lavoro. I candidati dovranno anche dimostrare approfondita conoscenza della realtà locale (viabilità, siti di interesse, monumenti, collegamenti ed eventi) ed informazioni di base circa il fenomeno turistico. Si tratta di una prova determinante considerati i precedenti tutt’altro che lusinghieri, con i vigili stagionali che in diversi casi hanno dimostrato enormi lacune in merito alla toponomastica cittadina e riguardo i siti storici-architettonici di maggiore interesse per gli ospiti della citta. Per superare questa fase della selezione è necessario anche dimostrare conoscenza di base nell’uso del computer, soprattutto per quanto riguarda i programmi di office.

Poi si passa al test relativo alla lingua straniera. I candidati, infatti, dovranno dimostrare di essere in grado di fornire informazioni ed indicazioni almeno in un idioma tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. Anche tale prova è fondamentale considerando che è assurdo assistere lungo le strade di Sorrento a scene da film comico con i vigili che danno informazioni a gesti ai turisti.