Al Premio Di Giacomo l’ultimo romanzo di Raffaele Lauro

dance-the-love-sant'agata-1

MASSA LUBRENSE. Un pubblico di assoluta eccezione, che ha affollato la Sala della Confraternita del Santissimo Rosario di Sant’Agata sui due Golfi e che ha seguito, con entusiastico interesse, con partecipe attenzione e con scroscianti applausi, la presentazione del terzo romanzo de “La Trilogia Sorrentina” di Raffaele Lauro, “Dance The Love – Una stella a Vico Equense”, perfettamente organizzata e coordinata da Donato Iaccarino, nell’ambito della XVI Edizione del Premio “Salvatore Di Giacomo 2016”, è stato colto piacevolmente di sorpresa, quando lo scrittore sorrentino, nei ringraziamenti agli amministratori, agli organizzatori e ai relatori, ha annunziato l’uscita, nel 2017, del suo nuovo romanzo, dedicato all’epopea imprenditoriale e gastronomica di Alfonso Iaccarino, nonno dello chef pluristellato Alfonso Iaccarino del ristorante “Don Alfonso 1890” di Sant’Agata sui Due Golfi, dal titolo “Salvatore Di Giacomo e Sant’Agata sui Due Golfi – Don Salvatore e don Alfonso”.

Dopo la raffininata introduzione del presidente della Pro Loco, Donato Iaccarino, i garbati saluti del sindaco Lorenzo Balducelli e la delicata testimonianza, tutta al femminile, del vice sindaco Giovanna Staiano, si sono succeduti i magistrali interventi della ristoratrice Livia Adario Iaccarino, del pubblicista Riccardo Piroddi e del presidente dell’Associazione Culturale “La Fenice”, Nicola Di Martino.

dance-the-love-sant'agata

La Iaccarino ha definito il libro di Lauro un’altra gemma preziosa del suo cammino celebrativo della penisola sorrentina, non inferiore ai precedenti romanzi, che apre, tuttavia, ai lettori “la cassaforte della vicenda, umana e artistica, della danzatrice russa Violetta Prokhorova Elvin, disvelando tesori di arte, di coraggio, di dedizione e di amore”.

Piroddi, il quale ha seguito passo passo la scrittura del romanzo, ha fatto ricorso ripetutamente all’opera di Friedrich Nietzsche (“La gaia scienza”, “Il crepuscolo degli idoli”, “Così parlò Zarathustra”), per esaltare la stupefacente vitalità di Violetta Elvin e, in particolare, ha sottolineato, come la danzatrice, filosoficamente parlando, abbia operato una rivoluzione nietzschiana, superando l’oppressione di un regime dittatoriale e accettando la trasvalutazione dei valori, con la rinunzia a qualcosa che amava, la danza, per abbracciare qualcuno che avrebbe amato ancora di più”.

Di Martino, infine, ha stupito tutti con una relazione di elevato spessore accademico, sottolineando gli intrecci del romanzo, tra storia universale e storia locale, definendo Lauro un vero maestro e un “coreografo della scrittura”: “Dance The Love, danza dell’amore è l’imperativo che il misterioso e inconoscibile Sommo Coreografo detta, attraverso il profeta Lauro, a Violetta Elvin. Chi ha occhi visionari e mente plagiata dalla sacra storia locale del mito, vede Violetta Elvin svolazzare leggera, chagallianamente leggera, sulle alture del Monte Comune e sulle piccole Isole delle Sirene”.

In conclusione, la toccante testimonianza lirica del poeta di Massa Lubrense Gianni Terminiello e l’intensa lettura del passo conclusivo del romanzo, da parte di Giulio Iaccarino, priore della Confraternita e attore teatrale, hanno regalato ai presenti momenti di autentica commozione. Il pubblico ha salutato più volte, con vibranti standing ovation, la protagonista del romanzo, Violetta Elvin, costretta dal caldo eccessivo della giornata a rinunziare ad essere presente alla manifestazione. Tra il folto pubblico, il giornalista Antonino Siniscalchi, la poetessa Annamaria Gargiulo, la coreografa Patty Schisa, gli imprenditori Michele Maresca, Giuseppe Stinga e Lello Ravenna, Nadia Di Leva, presidente dell’Associazione “Amiche del Museo Correale”, la giuslavorista Lucia Gargiulo, la luganese Marcella Fiorentino Lauro, la docente Emilia D’Esposito e il manager delle telecomunicazioni Pasquale D’Antuono.