Agosto boom per il turismo in tutto il golfo di Napoli

Sorrento0305gr8

Estate da record per il comparto ricettivo nel triangolo d’oro tra Capri, Sorrento e Ischia con viaggiatori arrivati da ben 80 diversi Paesi. In sostanza si può dire che in tutte le lingue del mondo si celebra la bellezza moderna e densa di storia dei Faraglioni, del Castello Aragonese e della divina costiera. Tutto ciò ha portato alla crescita di arrivi registrati ai desk delle strutture ricettive, per il mese di agosto. Inglesi e statunitensi la fanno da padroni in penisola sorrentina che, come sempre, ha fatto il pieno soprattutto di turisti provenienti dal Regno Unito, al punto da dirottare in parte – nel segno di una consolidata cooperazione tra le imprese e le categorie – i flussi in entrata anche a Ischia.

ischia

L’isola verde, infatti, ha accolto settemila britannici in più rispetto al 2014. Ischia, quindi, pur continuando a puntare sull’incoming tedesco, sta lavorando di buona lena per diversificare i mercati, come testimoniano i flussi in crescita di svizzeri, cinesi, irlandesi e baltici. A Capri, il boom di americani (16 per cento in più), ha consentito di aggirare il preannunciato forte calo di russi – peraltro spalmato in modo omogeneo un po’ ovunque, con punte negative che hanno raggiunto il 50 per cento – e la flessione degli europei, tra francesi, inglesi e tedeschi; mentre si confermano i cinesi e salgono le quotazioni dell’estremo oriente in generale. E poi spuntano gli argentini, che preannunciano il varco aperto in America Latina. Nell’Isola Azzurra la crescita dei brasiliani è però la novità più affascinante dell’estate.

capri

Le perle del golfo di Napoli, dunque, nonostante le criticità legate al nodo cruciale dei trasporti mai risolto, rappresentano di fatto un circuito virtuoso per l’intera economia regionale grazie alla vitalità e creatività dei privati. Va detto che il Pil turistico di Capri, Ischia e Sorrento copre all’80 per cento quello dell’intero settore in Campania. In ogni caso la nuova mercatizzazione e la digitalizzazione delle prenotazioni accentrate dai colossi globali del settore, che hanno cambiato le regole della intermediazione e puntano a condizionare anche la politica dei prezzi, non scalfisce più di tanto gli storici addetti ai lavori del territorio.

“A Sorrento e dintorni abbiamo evidenziato un aumento importante sia di inglesi che di americani – spiega il tour operator Gino Acampora – a sottolineare una stagione eccellente. E non sono mancati belgi e tedeschi. In prospettiva va detto che è stato davvero cruciale il lavoro della Gesac all’aeroporto di Capodichino: l’aumento dei voli diretti dalle tratte regionali europee per Napoli si è rivelato come una garanzia strategica. L’aereo fa la differenza: più complicato raggiungerci in treno o in auto. Ed è chiaro, più di prima, che occorre un secondo aeroporto in Campania, altrimenti questa bella fase di sviluppo non avrà sbocchi, proprio mentre la collaborazione tra le categorie si sta rivelando vincente: del resto per il prossimo World Travel Market di Londra, dal 2 al 5 novembre, realizzeremo un evento d’intesa con Ischia”.