Accordo Comune-Wwf per il censimento del verde

pini-del-pizzo

SANT’AGNELLO. Sottoscritta una convenzione tra Comune e Wwf per la tutela degli alberi secolari e per una corretta gestione del patrimonio arboreo cittadino. Una volta realizzata l’anagrafica delle piante secolari, chi si rendesse responsabile del loro abbattimento incorrerebbe in multe salate, che possono arrivare fino a 100mila euro.

L’associazione ambientalista, in base alla convenzione stipulata col Comune di Sant’Agnello, si occuperà, oltre che di verificare lo stato vegetativo delle alberature pubbliche e classificare ed inventariare il patrimonio arboreo, anche di scovare, fotografare e censire gli ultimi grandi alberi che ancora sopravvivono, nascosti nei boschi, nelle campagne, all’interno di giardini, ville, residenze storiche, monasteri, strade e piazze dell’intero territorio comunale.

“Non possiamo che essere felici della possibilità che il Comune di Sant’Agnello ha dato al Wwf – dichiara il presidente del sodalizio, Claudio d’Esposito – di offrire il proprio fattivo contributo ad una tematica che da sempre ci sta a cuore.