Accoltellamento del dirigente comunale, pena ridotta a Mattia Amitrano

DonatoSarno

SORRENTO. Arriva una nuova condanna, ma con un piccolo sconto di pena. Sei anni a dispetto dei 10 chiesti dalla Procura generale e dei 7 inflitti in primo grado al termine del rito abbreviato. Per Mattia Amitrano, il parcheggiatore che – il 14 novembre 2013 – ferì con un coltello il dirigente comunale Donato Sarno, arriva la sentenza bis.

L’uomo, in un impeto d’ira, rischiò di uccidere il funzionario, colpito più volte con un pugnale sia al corpo che alla mano sinistra nei bagni del municipio. Un raptus legato – a quanto sembra – a contrasti emersi giorni prima per delle concessioni. Quindi per il 58enne di Massa Lubrense arrivò l’arresto, il rinvio a giudizio, la condanna di primo grado e, adesso, quella in appello per l’accoltellamento del dirigente dell’ente.