A Villa Fiorentino il Festival delle emozioni con mostre, libri, musica ed enogastronomia

Villa-Fiorentino

SORRENTO. Una storia d’amore ambientata a Sorrento. Lui, professore di felicità, che si innamora di una donna affascinante dal nome accattivante: Sorrento. Un racconto struggente e sorprendente racchiuso nel libro “Amore Sorrento”, scritto da Tullio Tartaglia, medico specializzato in otorinolaringoiatria e perfezionato in endocrino chirurgia. Laureato all’università di Siena in medicina e chirurgia, Tartaglia ha poi perfezionato gli studi e la pratica all’università di Bordeaux, al San Raffaele di Milano e a Pisa.

Tullio Tartaglia, pur non sentendosi uno scrittore, ha avuto l’ispirazione alcuni anni fa di scrivere “Amore Sorrento”. “Un testo che ritengo sia molto particolare – spiega l’autore – qualcosa di diverso dal normale racconto. È sospeso tra realtà e fantasia come una poesia in prosa, un canovaccio teatrale, una sceneggiatura di un film mai girato, ma anche una preghiera al cielo”.

La presentazione del libro è in programma nella splendida cornice di Villa Fiorentino, a Sorrento, sabato 22 settembre dalle ore 20, e rientra nelle iniziative legate al Festival delle emozioni organizzato dalla Fondazione Sorrento che si svolge sempre nella dimora sorrentina fino al prossimo 30 settembre, con appuntamenti legati all’enogastronomia, alla musica e alle iniziative per ragazzi e famiglie.

Ad introdurre la presentazione del volume sarà l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano, il quale ha favorito la realizzazione della manifestazione ed a seguire è previsto l’intervento del vicesindaco di Sorrento, Maria Teresa De Angelis. Modererà Carlo Alfaro, mentre le letture di alcuni brani saranno affidate a Nino Lauro, voce ufficiale della kermesse, accompagnato nei dialoghi dall’attrice Emanuela Giordano. L’evento sarà ravvivato dalle note del maestro flautista Franco Ascolese e del pianista Gaetano Tortora. L’ingresso è gratuito.

A seguire ci sarà l’esecuzione dello spettacolo “Canta Napoli” a cura della società Opera in Roma, sul palco della villa a partire dalle 21. Inoltre sarà possibile partecipare ad un percorso enogastronomico ad ingresso gratuito con le prelibatezze dello chef stellato Peppe Aversa del ristorante “Il buco”. Ad allietare i presenti anche la mostra pittorica “Oro Nero” dell’artista-attore Ciro Esposito, un percorso figurativo di opere attraverso volti e trame africane unitamente alla mostra fotografica “Le rotte dell’anima” dove saranno esposti gli scatti di Roberto Russo e Marco Vendittelli, che attraverso le immagini dei loro viaggi pongono al centro della loro ricerca l’uomo e il suo sentire.