A Vico Equense minaccia la moglie ed il figlio ed incendia la casa

caserma-carabinieri-sorrento

VICO EQUENSE. Minaccia il figlio e la moglie per poi appiccare il fuoco in casa vicino al locale che ospita le bombole. Alla fine, però, intervengono i carabinieri che lo arrestano. L’inquietate episodio risale a ieri sera quando un uomo, al culmine di una lite, ha minacciato di morte il figlio e aggredito la consorte con una sedia. In stato di alterazione dovuto all’assunzione di alcol, ha raggiunto poi terrazzo di casa, ha cosparso il pavimento versandoci una latta di benzina e ha appiccato un principio di incendio con un accendino nei pressi dello stanzino della villa adibito alla custodia delle bombole di gas, all’interno del quale c’erano 4 contenitori pieni di gpl.

L’intervento istantaneo di altri familiari e di alcuni vicini di casa richiamati dalle urla dei familiari dell’uomo ha permesso di spegnere le fiamme prima che raggiungessero le bombole del gas. I carabinieri della stazione di Vico Equense, agli ordini del capitano Marco La Rovere, comandante della compagnia di Sorrento, chiamati e intervenuti nell’abitazione, hanno arrestato il 70enne, che risulta essere già noto alle forze dell’ordine. Dopo le formalità è in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.