A Vico Equense limitazioni agli orari delle sale-slot

Slot-machines-gioco-carta-credito1

VICO EQUENSE. Imposta una drastica riduzione degli orari in cui è possibile giocare con le slot-machine in tutti gli esercizi del territorio autorizzati all’installazione di questi apparecchi. “Il Comune – spiega il sindaco Benedetto Migliaccio – ha deciso di imporre questa novità per limitare un fenomeno che in città è diventato preoccupante”.

Un intervento che ha lo scopo di arginare la pericolosa deriva del gioco d’azzardo patologico, che l’Oms ha definito come una vera e propria malattia sociale. La ludopatia, infatti, è una patologia in grado di compromettere la salute e la condizione sociale del singolo individuo e della sua famiglia ed è assimilata ad altre dipendenze come l’abuso di alcol o il consumo di droghe.

L’incapacità di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse è un disturbo molto serio che può arrivare non solo a distruggere la vita dell’individuo che ne è affetto e dei suoi familiari, ma anche a determinare situazioni di allarme sociale e, nei casi più gravi, a generare fenomeni criminosi, spingendo il soggetto a commettere furti o frodi oppure ad alimentare il fenomeno dell’usura.

L’ordinanza firmata dal primo cittadino di Vico Equense modifica gli orari di accensione delle slot-machine: si potrà giocare solo dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20. Il titolare dell’autorizzazione, inoltre, deve esporre cartelli dai quali risulti chiaro il rischio di dipendenza dal gioco e gli stessi orari di funzionamento degli apparecchi. Chi non rispetta quanto previsto dall’ordinanza rischia una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro e, in caso di recidiva, cioè di violazione commessa per due volte, la sospensione del funzionamento degli apparecchi da 1 a 7 giorni.