A Sorrento un convegno sulla disfagia

disfagia-sorrento

SORRENTO. Un convegno, ma anche un concerto, l’assaggio di succulenti piatti realizzati dagli studenti del San Paolo su ricetta di Alfonso Iaccarino e una raccolta di contributi a scopo benefico. Tutto questo è in programma nel corso della serata dedicata alla disfagia, la quale è una disfunzione dell’apparato digerente, che consiste nella difficoltà a deglutire, ed al corretto transito del bolo nelle vie digestive superiori che quasi sempre si manifesta come conseguenza di altri disturbi ostruttivi o motori, come presenza di neoplasie o acalasia. Può riguardare solo i cibi solidi, o anche quelli semiliquidi o liquidi.

don-alfonso-iaccarino-11

L’appuntamento è per venerdì 13 maggio, alle ore 19, presso il chiostro di San Paolo dell’omonimo istituto superiore di Sorrento. L’iniziativa, dal titolo “Sai cos’è la disfagia? – progetto di sensibilizzazione per imparare a conoscere e affrontare il problema”, è organizzata dal Centro italiano femminile della penisola sorrentina e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Sorrento.

Previsti gli interventi del sindaco, Giuseppe Cuomo, dell’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis, di Corrado Astratta, docente di Medicina interna alla Seconda Università di Napoli, di Luca Calabrese, presidente Asc onlus e direttore Unità Neoplasie orali e faringee dell’Istituto Europeo di Oncologie, di Patricia Iaccarino, presidente del Cif penisola sorrentina e di Mario e Livia Iaccarino del ristorante Don Alfonso 1890.

studenti-san-paolo

A seguire ci sarà il concerto al pianoforte del maestro Stefano Gueresi dal titolo “I giorni impossibili”. Al termine gli studenti della Scuola alberghiera indirizzo enogastronomico dell’Istituto polispecialistico San Paolo di Sorrento offriranno ai presenti la degustazione della “Ricetta di velluto”, una pietanza realizzata esclusivamente per la manifestazione dallo chef stellato Alfonso Iaccarino.

L’evento sarà anche l’occasione per raccogliere fondi da destinare a sostegno dell’Associazione “salvatore Calabrese onlus”, la quale ha attivo un progetto proprio mirato a combattere la disfagia. L’ingresso alla manifestazione è libero.